rotate-mobile
Mercoledì, 18 Maggio 2022
Politica

Case Passerini bloccato dal Tar. Ma per il Ministero resta "strategico"

Galletti parla alla Camera, il 5 ottobre la sentenza del Consiglio di Stato

L'operatività dell'impianto di termovalorizzazione di Case Passerini a Sesto Fiorentino "è stata considerata strategica per garantire l'autosufficienza energetica non solo della Regione Toscana, ma anche dell'intera macroarea centro". E "in ogni caso, anche a prescindere dall'esito delle vicende giudiziarie concernenti la legittimità del titolo autorizzatorio a suo tempo rilasciato, l'impianto di termovalorizzazione in questione mantiene senz'altro le caratteristiche per essere ricompreso tra quelli identificati quali costituenti la Rete Strategica Nazionale". E' quanto ha affermato il Ministro dell'Ambiente Gian Luca Galletti, rispondendo alla Camera al question time presentato dal deputato di Ala Massimo Parisi.

"L'avvio dei lavori era previsto entro l'estate 2016, con possibilità di renderlo operativo entro il 2017", ha spiegato Galletti, aggiungendo che "l'autorizzazione alla realizzazione e all'esercizio rilasciata dalla Città Metropolitana di Firenze è stata annullata dalla sentenza del Tar Toscana dell'8 novembre 2016 e, attualmente, si è in attesa della pronuncia del Consiglio di Stato, la cui udienza di trattazione è stata fissata al 5 ottobre prossimo. La Regione Toscana fa presente che, a seguito della pronuncia del Consiglio di Stato, potranno essere valutate e aggiornate in maniera più realistica le tempistiche di realizzazione dell'impianto in questione".

“L’unica certezza è il conclamato fallimento di una classe dirigente e politica, dalla Regione Toscana agli enti locali interessati. Quella di case Passerini – ha replicato Massimo Parisi – è una vicenda che si trascina da oltre trenta anni e che purtroppo non si sbloccherà certo nel 2017 e probabilmente neanche nel 2018, con la conseguenza che per molti altri mesi l’Ato Centro sarà costretto ad ‘esportare’ rifiuti fuori dai suoi confini, con conseguenti ricadute negative sulle bollette delle famiglie. Ciò ovviamente non ci conforta e ci porta a sperare di non trovarci in un prossimo futuro in qualche nuova emergenza che renda di livello nazionale una vicenda per ora locale. E i tempi purtroppo non fanno presagire niente di buono”, ha concluso il deputato di Ala.
 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Case Passerini bloccato dal Tar. Ma per il Ministero resta "strategico"

FirenzeToday è in caricamento