rotate-mobile
Sabato, 4 Febbraio 2023
Politica

Casapound, aperta una nuova sede: proteste in città 

Traffico in tilt nella zona di Ponte alla Vittoria. Il presidente Dormentoni: “Non sono benvenuti nel nostro quartiere”

Nel pomeriggio di ieri un centro vicino a Casapound, Spazio Identitario l'Indomabile, ha aperto una sede in città. L’inaugurazione ha avuto luogo intorno alle 17 in Via de’ Vanni. Per evitare tensioni, l’accesso all’area è stato limitato innescando pesanti ripercussioni sul traffico. 

Il centro, affine ai cardini dell’associazione di estrema destra, aveva annunciato così l’inaugurazione: “La marcia riprende. CP Firenze torna con una nuova, bellissima e funzionale, sede e soprattutto con la voglia di dare la sveglia alla nostra città,  ormai rassegnata sotto la cappa del consociativismo, del clientelismo e del politicamente corretto. Se qualcuno pensava che ci fossimo adeguati al clima soporifero imposto dalle forze politiche che la governano da trent'anni si è sbagliato di grosso.Il nostro ruolo sarà quello di una perenne spina nel fianco di chi vuole distruggere l'indomabile spirito fiorentino. Ecco perché il nostro spazio identitario si chiama "L'Indomabile", perché chiunque voglia trovare un luogo in cui l'ironia, il sarcasmo, l'essere bastian contrari tipicamente fiorentini la fanno da padroni, potrà venire da noi e si sentirà a casa propria, tra consimili”. All’apertura era presente anche lo storico leader romano di Casapound Gianluca Iannone. 
 
Non sono mancate le proteste: una sessantina di simpatizzanti di Firenze Antifascista hanno sfilato per le vie dell’Oltrarno. Non si sono sono verificati episodi di violenza, l’area è stata monitorata da forze di polizia in assetto antisommossa. 
 
A manifestare in strada il proprio dissenso anche il consigliere Dmitrij Palagi: “C'è una nuova sede di CasaPound in città. Si chiama L'Indomabile Firenze per la loro nefasta inaugurazione di questo pomeriggio hanno scelto il titolo "riprende la marcia". Nell'anno del centenario della Marcia su Roma, si intende. Nella città in cui una figura della loro galassia ha compiuto la strage di piazza Dalmazia. Per fortuna esiste ancora oggi l'antifascismo. Lo so, non è detto che paghi elettoralmente, almeno secondo l'opinione di alcune persone che ci invitano a lasciar perdere queste cose”.

Critiche anche dal presidente del Quartiere 4 Mirko Dormentoni: “Vorrei dire ai fascisti di CasaPound che non sono benvenuti nel nostro quartiere. L'apertura della nuova sede di oggi pomeriggio, "L'Indomabile Firenze", con il titolo "riprende la marcia", dà già l'idea di cosa stiamo parlando. Nell'anno del centenario della marcia su Roma, naturalmente. Certamente non sarà questo che scalfirà la medaglia d'oro di Firenze al valor militare per la Resistenza. Non sarà questo che scalfirà l'antifascismo che abita in grandissima parte dei cittadini di Firenze. Però non mi accontento di queste considerazioni. Sono preoccupato, perché le gabbie, l'odio verso il diverso, le chiusure identitarie, i richiami alle figure e alle idee fasciste che questi signori portano avanti, negano i nostri valori. Le nostre comunità sono comunità aperte e solidali, inclusive e innovative, vivaci e partecipate, sempre pronte a lottare per i servizi pubblici, per le libertà e i diritti di tutti, nessuno escluso”.
 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Casapound, aperta una nuova sede: proteste in città 

FirenzeToday è in caricamento