Carta di Firenze: ecco le richieste dei dissidenti 5 Stelle

Anonimi pubblicano il documento: "Via il capo politico, Rousseau torni nelle mani del Movimento"

Superamento della figura del capo politico; convocazione di un'assemblea fisica nazionale, un forum degli attivisti che avvii un processo di riforma dello statuto, attribuzione della piena proprietà e della gestione del sistema operativo Rousseau al Movimento 5 Stelle.

Sono i punti più qualificanti della carta di Firenze, il documento dei dissidenti anonimi del Movimento 5 Stelle, pubblicato ieri. La riunione era avvenuta nel capoluogo toscano domenica scorsa, 29 settembre.

"Da tempo assistiamo al dissolversi di questo progetto politico", si legge nel documento intitolato "Per un rinascimento a 5 stelle". Nel testo vengono indicati cinque capitoli che consentirebbero al M5S "di recuperare e rafforzare la propria identità".

Per la "trasparenza e democrazia interna", secondo i dissidenti servirebbe "una convocazione di un'assemblea fisica nazionale, (forum degli attivisti ) con avvio di un processo di riforma dello statuto stesso, e attribuzione all'assemblea degli iscritti del potere democratico di esprimersi sulle cariche interne, tutte elettive; una revisione dello statuto e superamento della figura del capo politico mediante l'introduzione di organi elettivi e collegiali a livello nazionale, regionale e provinciale, che abbiano l'autorità di intervenire nella gestione dei conflitti interni nelle aree di competenza; l'attribuzione della piena proprietà e della gestione del Sistema operativo Rousseau al Movimento 5 Stelle assicurando la massima trasparenza della piattaforma, in particolare verso le richieste di: accesso pubblico all'anagrafe territoriale degli iscritti, verificabilità degli esiti delle consultazioni; un miglioramento di 'Tirendiconto' per aver maggiore trasparenza sulle spese dei portavoce, nonché attivazione di tutte quelle ulteriori funzioni necessarie a garantire un vero processo di informazione, comunicazione e coinvolgimento degli attivisti sui progetti sostenuti grazie alle restituzioni dei portavoce; uno sviluppo effettivo del progetto 'Scudo della rete', in particolare per i Portavoce locali (consiglieri comunali)".

Nella carta di Firenze, inoltre, si chiede "il rispetto dei principi etici fondamentali: difesa delle libertà individuali, della libertà di autoderminazione al trattamento sanitario, dei beni comuni e dei diritti sociali, tutela dell'ambiente e delle identità culturali di ogni comunità, autodeterminazione del nostro Paese; la completa coerenza con le principali battaglie identitarie e territoriali del M5S con conseguente allineamento di tutte le scelte politiche locali e nazionali; la formulazione di un codice etico unico e inderogabile che imponga il pieno rispetto del mandato elettorale e disciplini la sovrapposizione tra nomine in società pubbliche o private e cariche elettive, scongiurando conflitti di interesse in qualunque forma".

Va avviata poi, secondo gli scettici, "una riorganizzazione dal basso che valorizzi il ruolo centrale dei gruppi locali e degli attivisti attraverso assemblee territoriali periodiche alle quali siano tenuti a partecipare i portavoce eletti, su temi locali e nazionali". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Da rivedere anche il sistema di individuazione delle candidature. Nella carta di Firenze si chiede: "La riformulazione di criteri univoci, oggettivi e democratici per le candidature e le nomine all'interno del M5S, che premino l'esperienza, la competenza e il comprovato attivismo sui territori; l'apertura alla discussione di nuovi strumenti di valutazione degli eletti che garantiscano un confronto periodico tra la base e i portavoce, così da verificare il rispetto dei principi fondativi del Movimento e il perseguimento degli obiettivi nell'arco del mandato"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Oroscopo Paolo Fox oggi 14 settembre 2020: le previsioni segno per segno

  • Crisi Coronavirus, la Cgil: "Hotel Villa La Vedetta chiude, 15 dipendenti a casa"

  • Lavoro: posto fisso in Comune, concorso a Empoli

  • Enoteca Pinchiorri: l'asta delle bottiglie ha fruttato più di 3 milioni di euro

  • Sesto Fiorentino: scivola in bagno e batte la testa, muore 12enne

  • Caso positivo di Covid alla Dino Compagni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FirenzeToday è in caricamento