rotate-mobile
Lunedì, 16 Maggio 2022
Politica

Capitale del referendum: anche il "no" passa da Firenze

Venerdì 30 sfilano i 5 Stelle, sabato manifestazione di Sinistra italiana. E a novembre arriva Salvini

Firenze capitale della sfida per il referendum costituzionale. L'ha scelta ancora una volta Renzi per lanciare la sfida al "sì", dopo che è stata trampolino di lancio per la sua ascesa politica. Ma anche il fronte del "no" catalizza le sue forze nel capoluogo toscano, simbolo nel bene e nel male del fenomeno renziano. Domani, venerdì 30 settembre, è il Movimento 5 Stelle a lanciare la manifestazione contro la riforma. Dalle 18.30, con partenza da piazza Beccaria, è previsto un corteo che condurrà fino a piazza Strozzi, dove si terrà una "agorà" (così vengono chiamati gli interventi pubblici dal Movimento) alla quale interverranno, fra gli altri, i parlamentari Roberto Fico, Alfonso Bonafede, Manlio Di Stefano, Laura Bottici, Sara Paglini, Fabio Massimo Castaldo, Laura Agea, oltre a tutti i consiglieri della Regione Toscana e i consiglieri comunali della piana fiorentina e pratese.

Il giorno successivo, sabato 1° ottobre, sarà la volta di SInistra italiana, che aprirà ufficialmente la campagna referendaria con una manifestazione nazionale (da piazza Ognissanti, ore 14.30) "contro una riforma pasticciata, scritta male, che istituisce il bicameralismo imperfetto invece di semplificare le istituzioni allargando gli spazi di partecipazione per i cittadini". Durante la manifestazione prenderanno la parola, tra gli altri, Sandra Bonsanti, Guido Calvi, Paolo Caretti, Lorenza Carlassare, Pippo Civati, Sergio Cofferati, Alfredo D'Attorre, Loredana De Petris, Lorenzo Falchi, Anita Fallani, Tommaso Fattori, Nicola Fratoianni, Carlo Freccero, Iris Karifillidis, Daniela Lastri, Curzio Maltese, Tomaso Montanari, Ubaldo Nannucci, Stefano Quaranta, Claudio Riccio, Riccardo Russo, Arturo Scotto, Luca Telese, Renzo Ulivieri, Lorenzo Zolfanelli. Si potrà seguire la manifestazione in diretta streaming su www.sinistraitaliana.it .

A novembre, il 12, sarà la volta della Lega Nord che ha organizzato in piazza Santa Croce una manifestazione nazionale "per dire tanti 'no' - come ha spiegato il segretario federale Matteo Salvini - no al referendum, no all''euro, no a questa Europa dei burocrati e dei banchieri". Una manifestazione "per mandare a casa Renzi", ha concluso Salvini.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Capitale del referendum: anche il "no" passa da Firenze

FirenzeToday è in caricamento