menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Assembramenti, Nardella: "Non puoi dire ai cittadini che i negozi sono aperti ma di non uscire"

Il sindaco sulla polemica della folla in centro per lo shopping natalizio: "Meglio una nuova stretta che le mezze misure, Governo coinvolga amministratori locali"

"Non puoi dire a un cittadino che i negozi sono aperti e poi dire ai cittadini di non uscire. C'è molta tensione, nervosismo. Il Governo deve essere più autorevole, come all'inizio dell'emergenza. Si sta tutto un po' sfilacciando". Così il sindaco Dario Nardella intervenendo a Lady Radio, sulle polemiche circa la folla che lo scorso weekend ha invaso il centro storico per lo shopping natalizio.

"Il Governo deve coinvolgere di più gli amministratori locali. C'è una pandemia economica in atto. Ci vuole un pieno coinvolgimento degli enti che vivono la realtà nei territori. I sindaci -ha aggiunto Nardella- non possono essere l'ultima ruota del carro a cui far solo arrivare i provvedimenti calati dall'alto".

Secondo il primo cittadino, a questo punto - tra assembramenti per gli acquisti e terza ondata all'orizzonte - sarebbe meglio una nuova stretta piuttosto che le mezze misure.

Ristori

Allo stesso tempo, ha detto Nardella a 'L'aria che tira' su La7, occorre mettere in campo "strumenti economici di recupero massicci (...). Il governo deve assumere delle misure forti, perché i ristori sono necessari ma non sufficienti. Senza offese, li ho definiti come un'aspirina".

Serve invece un intervento "molto più incisivo", come sta facendo la Germania, osserva il sindaco, "altrimenti si crea quello scollamento tra l'economia che soffre e il Paese che è spaventato dal ritorno del contagio. E non possiamo permettercelo".

Di contro, prosegue Nardella, "le mezze misure secondo me rischiano di essere pericolosissime: il vorrei ma non posso, il chiudo qualcosa ma non tutto. Questi sono giorni decisivi e il governo deve imboccare una strada, che sia chiara, univoca e autorevole".

Anche perché la sensazione è che non ci sia più "quell'unità, quella compattezza che serve al Paese per superare le emergenze. Ci stiamo contrapponendo: commercianti contro cittadini, i rigoristi contro i negazionisti. Sembra che l'Italia abbia perso la sua stella polare".

Vaccini

Quanto alla campagna di vaccinazione al covid "i sindaci saranno coinvolti o faremo le comparse?" domanda Nardella, sempre intervenendo a 'L'aria che tira', su La 7.

Nardella ha chiesto lumi sul coinvolgimento dei primi cittadini "sull'organizzazione e la distribuzione" delle fiale, "gli aspetti logistici e tutto quello che riguarda il rapporto con i cittadini".

Per il sindaco di Firenze, infatti, sia per le scuole che per i vaccini "sono decisivi due aspetti: l'organizzazione e la comunicazione". Così "per i buoni spesa abbiamo fatto presto e bene. E' successo a marzo e sta succedendo ora. Abbiamo dimostrato che se coinvolti dall'inizio le cose possono funzionare. I sindaci possono dare una grande mano al sistema".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FirenzeToday è in caricamento