rotate-mobile
Giovedì, 8 Dicembre 2022
Politica

L'Allenza Verdi Sinistra si presenta: “Giustizia sociale e redistribuzione della ricchezza, orario di lavoro ridotto a parità di salario”

Tra i candidati in Toscana Ilaria Cucchi, Eros Tetti ed il leader di Sinistra Italiana Nicola Fratoianni: “Fermiamo la destra estrema di Meloni”

Giustizia sociale, redistribuzione della ricchezza, transizione ecologica con il coinvolgimento dei territori. Sono alcuni dei punti alla base del programma dell'Alleanza Verdi Sinistra, che si presenta alle elezioni del prossimo 25 settembre in coalizione con Pd, +Europa e Impegno Civico.

“L'alleanza elettorale con il Pd è finalizzata a portare avanti una proposta che ha due obiettivi fondamentali. Fermare l'estrema destra di Giorgia Meloni e costruire un Paese più giusto, che metta al centro eguaglianza e riconversione ecologica”, spiega Nicola Fratoianni, leader di Sinistra Italiana e candidato in Toscana come capolista nei tre collegi proporzionali della Camera, questa mattina a Firenze per la presentazione delle liste.

“Questo Paese ha bisogno di politiche per contrastare la diseguaglianza, che cresce ovunque. Cresce l'ingiustizia sociale e climatica. Servono politiche che redistribuiscano ricchezza, reddito, lavoro, che costruiscano nuove occasioni di lavoro dignitoso. E' necessario cambiare politiche industriali ed energetiche, nel segno della sostenibilità e della lotta ai cambiamenti climatici”, prosegue il leader di Sinistra Italiana.

Ad ascoltarlo c'è anche il sindaco di Sesto Fiorentino Lorenzo Falchi, uno dei bersagli preferiti di Italia Viva. Renzi attacca Letta e parla di “svolta sovietica del Pd”, proprio per aver abbracciato un'alleanza con Fratoianni.

“Mi viene da ridere a sentirlo. Ma davvero stiamo ancora a parlare di Renzi? Parliamo di cose più serie e lasciamolo alle cronache a fumetti”, gli manda a dire Fratoianni, che, tra i punti programmatici, mette l'aumento di salari e pensioni, la riduzione di lavoro a parità di salario, “l'istruzione vista come un diritto fondamentale e non come un lusso”.

Quanto alla sanità, “potenziare il settore pubblico è possibile. Utilizziamo i miliardi di euro che sono stati dirottati sull'aumento delle spese militari”.

Candidato al collegio plurinominale del Senato per la Toscana c'è invece Eros Tetti, di Europa Verde. “La nostra nazione deve ripartire dai territori, con una transizione energetica vera. Oggi invece si fa la guerra alle energie rinnovabili per favorire le multinazionali del fossile, speculando su famiglie e aziende”, dice. Ieri dal governo è arrivato l'ok ad un impianto di pale eoliche nel Mugello, al monte Giovi, che ha suscitato molte critiche. “In questa situazione lo accettiamo, ma i territori devono essere coinvolti, basta con le decisioni calate dall'alto”, le parole di Tetti.

Il nome più conosciuto schierato in Toscana da Sinistra Italiana è senz'altro quello di Ilaria Cucchi, candidata al Senato nel collegio uninominale di Firenze. Qualcuno, in ambienti Pd, ha criticato la scelta di candidarla, perché ha dichiarato di essere stata in passato, prima dell'uccisione di suo fratello Stefano, un'elettrice di centrodestra.

“In realtà questa cosa gioca a nostro favore. C'è chi immagina che le persone di sinistra siano solo i ragazzi dei centri sociali, a cui vanno tutta la mia stima e la gratitudine per quello che hanno fatto per me. Io sono una persona normale, li votavo ma poi ho capito, mio malgrado, che la realtà non è quella che fanno vedere loro, che propongono solo slogan. Questo dà fastidio”, replica Cucchi.

Ovviamente la sua attenzione è rivolta in buona parte agli ultimi e al mondo delle carceri. “Oggi sono considerate discariche sociali, dove i diritti umani non valgono e dove molti restano in stato di detenzione pur non rappresentando alcuna pericolosità sociale. Con la destra al potere la situazione peggiorerebbe ancora. Bisogna invece iniziare a depenalizzare. I diritti poi devono valere per tutti, e quando parlo di diritti non parlo solo del diritto alla giustizia, ma anche di quello all'istruzione, alla sanità, al lavoro”, spiega Cucchi. “Ci dicono che la giustizia è uguale per tutti ma non è così. Se non avevamo una casa da ipotecare non ci sarebbe stato alcun processo per Stefano. In parlamento – conclude – mi batterò perché possano davvero esserci uguali diritti per tutti”.

Elezioni: le liste dei candidati e le informazioni utili per il voto

Le proposte di Paragone e Italexit

I candidati del Pd: "Salario minimo, ambiente e diritti"

Le proposte dei candidati toscani dei 5 Stelle

Renzi: "Faremo risultato incredibile e riporteremo Draghi al governo"

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'Allenza Verdi Sinistra si presenta: “Giustizia sociale e redistribuzione della ricchezza, orario di lavoro ridotto a parità di salario”

FirenzeToday è in caricamento