menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Aeroporto: Renzi, la mossa del cavillo

Nel Dl semplificazioni una norma che dà nuova spinta al progetto dell'ampliamento di Peretola

Nel Decreto Semplificazioni del Governo Conte c'è una norma che dà la spinta al progetto dell'ampliamento dell'aeroporto di Peretola, fermo per le autorizzazioni bocciate.

Lo riporta Il Fatto Quotidiano. La 'spinta' si cela tra le righe dell’articolo 50 del decreto: con questa norma il governo estende agli aeroporti il modello di semplificazione che fino a pochi giorni fa valeva solo per le autorizzazioni dei porti.

Secondo il decreto licenziato il 7 luglio scorso dal Consiglio dei Ministri, invece, le stesse norme potranno essere applicate anche ai "piani di sviluppo aeroportuali".

Tutta la partita di Peretola - spiega ancora Il Fatto Quotidiano - si gioca sulle autorizzazioni: la Vas (valutazione ambientale strategica) che riguarda l'iter del progetto e la Via (valutazione di impatto ambientale) sulle singole opere.

Fino a due settimane fa, queste procedure dovevano essere approvate separatamente ma con il nuovo decreto, per i piani di sviluppo aeroportuale tutti gli elementi "già valutati in sede di Vas costituiscono dati acquisiti".

Non solo: la stessa Via si conclude ora con un unico provvedimento integrato.

Una norma che sembra scritta apposta per l'aeroporto fiorentino, le cui ultime autorizzazioni sono state bocciate dai giudici amministrativi: prima la Vas rigettata dal Tar della Toscana nel 2016 e poi la Via, su cui i giudici di primo grado e del Consiglio di Stato hanno messo una pietra sopra.

O meglio avevano, visto che con la nuova norma, la nuova pista da 2.400 metri - per 350 milioni di euro - di fatto rinasce come l'araba fenice.   

Infatti quando il procedimento ripartirà - probabilmente dopo le elezioni di settembre - la nuova giunta non dovrà far ripartire il procedimento e approvare una nuova Vas ma solo la Via.

Inoltre il dl semplificazioni ha ridotto i tempi - da 60 a 45 giorni - per dare modo ai cittadini e ai soggetti interessati di presentare le proprie osservazioni.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FirenzeToday è in caricamento