rotate-mobile
Domenica, 5 Dicembre 2021
Politica

Abolizione parziale delle province: si prepara la città metropolitana?

Il ministro della funzione pubblica su province: dimezzare le attuali province accorpandole. Saranno eliminati gli enti inutili periferici, divieto a costituire agenzie e enti

Il governo affila le armi politiche per tagliare le province, ma non per la completa abolizione. L’idea ricalca quella studiata dalla Provincia di Firenze che propone un accorpamento dell'ente intermedio tra Regione e Comune con quelle di Prato e Pistoia per la creazione di una unica e estesa “Città Metropolitana”. Di fatto da tre si passerebbe ad un unico ente. Proprio su questo giovedì scorso il presidente Barducci ha presentato il modello greco che tra accorpamenti e fusioni di enti, se fosse applicato in Italia, permetterebbe secondo Barducci, un risparmio di oltre un paio di miliardi di euro. Sulla questione delle province si è espresso anche il ministro della Funzione Pubblica, Filippo Patroni Griffi, intervistato dal Messaggero.

"Sulle province stiamo varando uno riforma profonda – ha affermato il ministro - In Parlamento si sta discutendo della legge costituzionale che dovrebbe dimezzare le attuali province accorpandole. Contemporaneamente abbiamo approvato un disegno di legge che conferma la scelta di non fare votare più il popolo per le elezioni provinciali".

Il ministro fa sapere che "é presto per fare cifre ma alla fine salteranno migliaia di poltrone e daremo un assetto più razionale a quella parte di amministrazione italiana più legata al territorio". Inoltre, "stiamo pensando di vietare la costituzione di Agenzie ed Enti. E' più difficile vietare la costituzione di società - aggiunge - ma dovremo trovare la formula per bloccare queste degenerazioni.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Abolizione parziale delle province: si prepara la città metropolitana?

FirenzeToday è in caricamento