menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

5 Stelle: Conte leader svuota il Pd. Ma Zingaretti: "Resto segretario fino al 2023"

Un sondaggio scalda i critici (fra cui Nardella e i toscani). Il leader Dem: ok alla discussione ma niente primarie (per ora)

La tensione nel Partito democratico non tende ad allentarsi. Anzi. A scaldare il clima fra le (almeno) due anime del partito è un sondaggio della Swg per il Tg di La 7: in caso di leadership di Giuseppe Conte il Movimento 5 Stelle guadagnerebbe circa 6 punti, tornando al 22,3 per cento. Un posizionamento di cui il più penalizzato sarebbe proprio il Pd, che perderebbe oltre 4 punti, fermandosi al 14,2%.

Numeri virtuali, che però bastano ad accendere accendono la scintilla degli "anti-zingarettiani", contrari ad un "appiattimento" del Pd sul Movimento 5 Stelle e contro la linea dell'alleanza strutturale con i grillini. Linea che al Nazzareno ormai criticano in molti, a partire dal governatore dell'Emilia Romagna Stefano Bonaccini. Un gruppo di amministratori fra i quali figura anche il sindaco di Firenze Dario Nardella, da molti dato in lizza per la successione a Zingaretti.

Proprio in Toscana, dove il partito non è guidato dagli uomini di Zingaretti ma da Simona Bonafè, il clima è da tempo teso. Ma il segretario nazionale e governatore della Regione Lazio non è intenzionato a mettere in gioco la sua leadership.

E se gli ex renziani (su tutti il capogruppo al Senato Andrea Marcucci in un'intervista al Quotidiano nazionale) chiedono il congresso, Zingaretti sembra voler rimandare la partita: "Va bene la discussione, ma le prossime primarie (per il rinnovo del segretario nazionale) sono fissate nel 2023", ha spiegato ieri. Dichiarazioni che hanno spento, per ora, i "sogni" di Nardella e co. Che è comunque in tempo a giocarsi le sue carte prima che scada il suo secondo mandato a Palazzo Vecchio.

La discussione nel Pd non manca mai. E per di più adesso l'alleanza con Salvini potrebbe logorarlo. Senza dimenticare lo spettro di Matteo Renzi: molti dei contestatori della linea del segretario ZIngaretti sono proprio suoi ex fedelissimi. Sarà un caso?

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FirenzeToday è in caricamento