Gli anziani hanno molto da raccontare. Bisogna solo saperli ascoltare

La scelta della giusta RSA per un anziano può fare la differenza nella qualità della sua vita

È il periodo della vita in cui si è più fragili, fisicamente ed emotivamente. Quando si è anziani, tutti gli eventi e le persone di una vita ritornano e passano davanti agli occhi come in un film d'altri tempi. E rimane un unico desiderio: raccontare quel film e avere qualcuno disposto ad ascoltare, qualcuno che capisca ciò che è stato e ciò che si vorrebbe fosse ancora.

È questo che dovrebbe fare una RSA, prima ancora di assistere e di curare i propri ospiti da un punto di vista fisico: dovrebbe empatizzare, ascoltare e garantire dignità alla persona, indipendentemente dall’età o dalla condizione psico-fisica.  Diventa quindi evidente come la scelta della giusta RSA può fare la differenza nella qualità della vita di una persona anziana.

Come scegliere una Rsa: le poche regole da seguire

Ma come scegliere la giusta struttura, soprattutto in questo 2020 segnato da una pandemia che ha colpito in particolare le fasce anziane della popolazione? Quali elementi sarà meglio valutare nel prendere una decisione tanto importante per la vita futura dei nostri cari? Come bilanciare la volontà di non separarsi da questi con il desiderio altrettanto forte di fornire loro la migliore assistenza e cura possibile?

Le risposte a queste delicate domande ce le fornisce la Rsa Masaccio del Gruppo La Villa, dall'alto di un'esperienza quasi trentennale nel settore dell'assistenza socio-sanitaria agli anziani e di ben 27 strutture aperte dal Gruppo in 5 regioni italiane che accolgono quasi 2.000 posti letto.

Prima regola: disponibilità all'ascolto

Scopriamo così che l'ascolto gioca il ruolo principe nell'accogliere un anziano o una persona in condizione psico-fisica fragile e complessa, sin dalla fase di prima accoglienza, in cui si raccolgono tutte le informazioni utili alla creazione di un piano di assistenza che sia personalizzato sulle esigenze fisiche, emotive e cognitive del futuro ospite. Qui, ascoltare le necessità della persona gioca un ruolo chiave e significa non solo comprendere il percorso terapeutico più adatto ma osservarne la capacità di adattamento alla struttura e ai suoi ospiti, notarne le reazioni e monitorarne continuamente lo stato di salute psichico e fisico. Significa imparare a conoscerlo dalle sue parole, dai suoi gesti, dai suoi comportamenti, dal suo sguardo. Il Gruppo La Villa ad esempio ha fatto di questa capacità di ascolto e della necessità e volontà di mettere la persona al centro di tutto, il proprio valore principale.

Il consiglio, dunque, anche nel valutare una RSA è parlare e ascoltare. Fare domande ai diversi componenti dello staff, dal direttore fino all'inserviente, può far capire molto sul grado di empatia e ascolto che troverà il proprio caro all'interno della struttura.

Seconda regola: l'aria che si respira è come quella di casa?

La disponibilità all'ascolto si trasforma così in terapia e relazione con l'ospite, il quale molto presto non si sentirà più tale, perché respirerà un clima familiare, percepirà un'accettazione incondizionata e sentirà valorizzata la sua persona. E lo stesso faranno i suoi familiari, sollevati nell'affidare i propri cari a una struttura che fa dell'accoglienza, del recupero e del mantenimento dell'autonomia degli ospiti la propria missione.

Il consiglio per i familiari è di visitare sempre la struttura, magari più di una, così da poter trovare quella che più è in sintonia con l'ambiente già conosciuto e vissuto a casa propria dal futuro ospite. Essere in armonia con il luogo in cui si passerà un periodo così importante della propria vita è fondamentale.

Terza regola: servirsi di personale altamente qualificato

Questo rapporto di fiducia, Rsa Masaccio e in generale le strutture appartenenti al Gruppo La Villa, lo ottengono grazie alla professionalità dei propri operatori, un'équipe multidisciplinare, attiva 24 ore su 24, altamente qualificata e continuamente aggiornata con corsi dedicati, che valuta caso per caso la terapia e l'assistenza più indicata per ciascun ospite, inserendo nella sua quotidianità attività educative, riabilitative e ricreative mirate e personalizzate, così da rafforzarne le capacità funzionali, motorie, cognitive e relazionali.

Il consiglio, in questo caso, è d'informarsi sulle terapie e sui percorsi di riabilitazione non solo fisico-motoria che miri a mantenere o recuperare l'autonomia del paziente, ma anche di riabilitazione cognitiva, legata ad attività educative e ricreative che soddisfino i bisogni relazionali, importanti tanto quanto quelli fisici e materiali.

Questo è un altro dei punti cardine dei servizi resi da Rsa Masaccio: programmi non solo assistenziali ma anche riabilitativi e educativi personalizzati, fatti di approcci non farmacologici e ambienti terapeutici innovativi, capaci di supportare al meglio il recupero, dove possibile, degli stati psico-fisici più acuti.

FIRENZE-6-7

“Rsa sicura”: un nuovo modo di vivere la quotidianità in Residenza

Durante il delicato periodo determinato dall’emergenza Covid-19, il Gruppo La Villa ha tutelato Ospiti e Dipendenti fin da subito, rendendo operativi rigorosi protocolli precauzionali interni aderenti alle indicazioni Ministeriali e Regionali, e adottando tutte le  misure necessarie verso chi vive quotidianamente in Rsa, dai Senior ai Dipendenti, fino a Visitatori e Fornitori, ideando al contempo soluzioni per unire Ospiti e famiglie con il digitale, i social e tante iniziative di socialità a distanza.

In tutte le strutture del Gruppo, dopo la prima fase critica, è partita l’iniziativa “Rsa Sicura”: una riprogettazione della dimensione di vita in Rsa per continuare ad assicurare il massimo della qualità di servizio e tutela in un prezioso percorso verso la riconquista della normalità, fatto di nuovi spazi, attività riviste, nuove forme di socialità e di accoglienza, assicurando la massima sicurezza grazie a nuove procedure, al distanziamento, all'uso dei DPI, alla formazione continua del Personale, a nuove forme di comunicazione e di incontro, come le visite in sicurezza, per un percorso graduale di riapertura, in atto già da tempo.

Rsa Masaccio: tutto ciò che serve sapere lo trovate qui

Sicurezza entra dunque di diritto tra le parole d'ordine del Gruppo La Villa, insieme all'ascolto, al clima familiare e alla professionalità dello staff. La moderna e luminosa struttura di Bagno di Ripoli, in via di Rosano 118, a pochi minuti da Firenze e da Pontassieve, offre tutto questo, trovandosi oltretutto in una posizione ottimale che sfrutta il bellissimo panorama delle colline circostanti per assicurare ulteriore pace e serenità ai propri ospiti. I 34 posti letto disponibili in Rsa Masaccio, di cui 10 dedicati a senior autosufficienti, garantiscono inoltre una perfetta intimità e permettono allo staff di dedicare le giuste attenzioni a ciascuno degli ospiti. Per maggiori informazioni su Rsa Masaccio e su tutte le altre Residenze del Gruppo La Villa è possibile contattare il Centro di Assistenza Clienti all' 800688736 oppure scrivere ad assistenzaclienti@lavillaspa.it o, ancora, visitare il sito per visitare le strutture comodamente da casa con un semplice click, grazie a Virtual Tour 360°.

E ricordate sempre, prima di fare la vostra scelta, che un giorno sarete anziani anche voi: in quale RSA preferireste passare i vostri ultimi anni?

In Evidenza

I più letti della settimana

  • Incendio in centro: scooter in fiamme / FOTO 

  • Baby K a pranzo al circolo: "Adora la cucina toscana" / FOTO

  • Oroscopo Paolo Fox oggi 23 settembre 2020: le previsioni segno per segno

  • Cosa fare nel fine settimana a Firenze

  • Coronavirus: gita in Sicilia, focolaio nel Chianti

  • Crisi Coronavirus: chiude lo storico Gran Caffè San Marco

Torna su
FirenzeToday è in caricamento