rotate-mobile
Lunedì, 29 Novembre 2021
Partner

Perché le concessionarie auto saranno sempre più centrali

Showroom a prova di persona, nuove esperienze d’acquisto e servizi post vendita

Secondo un rapporto di Italia Bilanci, insieme con Federauto (Federazione italiana concessionari auto) le dimensioni delle concessionarie nel territorio sono aumentate. Oggi però, complice anche la pandemia, è previsto un calo del fatturato e ci si chiede quale spazio potranno occupare i dealer in un mondo sempre più digitalizzato e in continua trasformazione.

In realtà per almeno 8 italiani su 10, le concessionarie di auto continueranno a essere centrali (il dato deriva da un’indagine recente di Deloitte), purché riescano a far valere le proprie competenze e siano sinonimo di affidabilitàper il cliente. Allo stesso tempo, conta anche la presenza online, ormai la prima vera vetrina dei propri servizi.

La differenza non la fa soltanto la modalità che riguarda l’approccio all’utente o la vendita vera e propria, ma anche nella capacità di offrire servizi correlati specifici, in base al bisogno del singolo anche dopo la conclusione della trattativa, come la possibilità di rivolgersi a officine convenzionate o occuparsi di pratiche finanziare, revisioni, ecc.

Affidabilità e esperienza d’acquisto personalizzata

Il mercato delle automobili è sempre più sfaccettato e l’offerta tende a disorientare il cliente. Ecco perché il ruolo delle concessionarie – potremmo dire: il ruolo dei negozi fisici – può essere ancora determinante nell’ecosistema del territorio. 

Chi desidera acquistare un'auto non è sempre un esperto del settore né ha sempre le idee chiare. I professionisti diventano allora un punto di riferimento, soprattutto se capaci di intercettare e soddisfare quelle che sono le esigenze del cliente: è quindi importante stabilire un rapporto di fiducia, perché quello con il concessionario è sicuramente il primo contatto in vista di un acquisto.

Questa figura deve essere trasparente e trasmettere affidabilità, ma soprattutto offrire un’esperienza che possiamo definire “personalizzata”, in qualche modo indirizzando l’acquirente verso la scelta migliore per lui, studiando quelli che sono i trend del mercato. Per esempio, ultimamente cresce sempre di più il segmento del noleggio e le concessionarie più attente stanno implementando questa formula, rivolta sia ai privati che al singolo utente, nel loro parco offerte.

car-village-firenze-jeep-2

A chi rivolgersi a Firenze per acquistare un’auto

Oggi i dealer sono più strutturati e hanno anche rapporti diretti con le case automobilistiche. È il caso di Car Village, con sede a Firenze e a Sesto Fiorentino, che ad ottobre festeggia un anno di
attività: una nuova gestione che eredita l’esperienza della storica concessionaria Car. La nuova proprietà – che fa parte del Gruppo Intergea, tra i leader nel settore in Italia e vincitore del premio Customer First, con 115 punti vendita in sette regioni – ha investito 3 milioni di euro per rinnovare l'azienda.

Gli effetti sono due nuovi showroom, uno all’Osmannoro, l’altro a Firenze Sud. Quest’ultimo è
un concept store dedicato al marchio JEEP.
La sede principale, di via Lucchese 19b, zona Osmannoro, invece si estende per più di 30mila metri
quadri
e racchiude al suo interno Car Village Outlet, spazio espositivo coperto di 4mila metri
quadri, il quale diventa il più grande salone dell’usato di Firenze, ampliando ancora di più
l’offerta, comprendendo anche auto aziendali e chilometro zero. Ma non solo: i nuovi trend impongono un’attenzione particolare anche al noleggio e Car Village irrompe con le sue offerte: l’Arval Store, uno tra i quattro negozi a livello nazionale, è dedicato proprio alla formula del noleggio a lungo termine: allettante per chi vuole azzerare spese di manutenzione e costi accessori, e con il quale sono inclusi l’assistenza stradale, l’assicurazione, il bollo, ecc.

car-village-firenze-auto-2

Tra le peculiarità di Car Village c’è il rapporto privilegiato con il cliente, dall’assistenza per la vendita e i servizi ai giochi per bambini installati direttamente negli showroom, sino ai dog bar: un luogo a prova di persone e di famiglia. A certificazione dell’impegno per una customer experience d’eccellenza, la concessionaria ha ricevuto il “Customer First Award for Excellence' premio di Stellantis dedica ai dealer che garantiscono un’eccellente esperienza ai clienti, sia nella fase di acquisto che in quella post vendita.

Acquistare un’auto non rappresenta mai una spesa di poco conto. Per questo motivo Car village propone anche una formula chiamata “full car”: la soluzione permette di accedere a determinati servizi attraverso il pagamento di un canone mensile, con il quale sono inclusi manutenzione ordinaria e flessibilità del servizio mobilità, per avere un’auto sempre nuova con zero pensieri.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Perché le concessionarie auto saranno sempre più centrali

FirenzeToday è in caricamento