menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Meteo: settimana di fuoco, si sfiorano i 38 gradi

Consigli e regole per resistere al caldo 

La colonnina di mercurio continua a salire. Questa settimana sarà caratterizzata da cieli sereni o poco nuvolosi con venti deboli lungo la costa e mari poco mossi. Le temperature saranno in aumento con punte di 34-35 gradi sulle zone interne per sfiorare anche i 38 gradi a metà settimana. 

Nel weekend possibili nubi nei cieli ma le temperature rimarranno elevate. 

Meteo: le temperature in tempo reale

Consigli e regole per resistere al caldo  

E’ noto che la nostra temperatura corporea deve mantenersi stabile indipendentemente dalla temperatura dell’ambiente e questo avviene grazie a sofisticati meccanismi che nel complesso sono chiamati “termoregolazione”. Temperature esterne particolarmente basse o elevate mettono alla prova il nostro organismo che deve adattare il rapporto tra produzione di calore e perdita di calore perché la temperatura vera, quella “centrale”, sia quella giusta.

Si dice spesso che “ci si difende molto meglio dal caldo che dal freddo”, ma questo fa riferimento ai climi specifici della nostra zona, alle dotazioni “normali” delle nostre abitazioni e ai nostri stili di vita. 

Quando le temperature si alzano il nostro corpo tende a disperdere calore “sudando”: se non ci si riesce si verifica un quadro conosciuto come “colpo di calore” (se al clima caldo si associa l’umidità che riduce la perdita di calore), mentre il “colpo di sole” è il termine usato quando un malore si verifica dopo prolungata esposizione diretta alle alte temperature. 

Bambini piccoli, persone anziane, soggetti affetti da malattie croniche e disabili sono a maggior rischio e, quindi, devono stare molto attenti, ma la stessa attenzione devono avere coloro che svolgono attività fisica intensa all’aperto (da limitare per quanto è possibile) o che assumono antistaminici, diuretici e farmaci per il morbo di Parkinson. Anche altri farmaci possono interferire e, quindi, nel dubbio bisogna fare riferimento al proprio medico di famiglia. 

Il sudore rappresenta una modalità per disperdere calore ma questo ha già di per sé delle conseguenze perché queste “perdite” vanno reintegrate bevendo di più e assumendo cibi ricchi di acqua. 

Tra le bevande è da preferire l’acqua, magari non ghiacciata: fresca o a temperatura ambiente, evitando bibite ghiacciate, zuccherate e limitando gli alcolici e le bevande che contengono caffeina perché hanno effetto diuretico e semmai bevendo latte e consumando gelati e yogurt. 

La frutta e le verdure di questa stagione, anche frullate, sono adattissime: contengono acqua, vitamine e sali minerali. I cibi pesanti e molto saporiti vanno limitati, magari scegliendo pesce e carni bianche. La conservazione del cibo, a causa dell’alta temperatura deve essere molto attenta. 

E’ consigliabile mantenere in casa una temperatura di 6-7 gradi inferiore rispetto a quella esterna ricorrendo più spesso del solito a bagni e docce perché danno sollievo e abbassano la temperatura corporea. 

Chi accudisce una persona immobilizzata a letto deve cercare di cambiarne più spesso la posizione e chi ha problemi di incontinenza dovrebbe cambiare più spesso i presidi igienici (pannoloni).
 
Nelle ore più calde è meglio evitare di uscire di casa o attendere la parte più fresca della giornata in un locale che garantisca una buona climatizzazione. 

Nel caso ci si trovasse a soccorrere una persona che abbia le mucose e la lingua secca, aumento della temperatura corporea, nausea, aumento del battito cardiaco (tachicardia) e della respirazione, confusione mentale, torpore e debolezza, potrebbe essere un colpo di calore o di sole. 

Ripararla dal sole, darle da bere acqua fresca se può farlo, abbassarle la temperatura con una pezzuola bagnata o una borsa di ghiaccio sono provvedimenti senz’altro appropriati, capaci di risolvere i quadri più leggeri e di iniziare un primo trattamento corretto in attesa che arrivino i soccorsi se il disturbo è maggiore.


 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Ristoratori e TNI bloccano di nuovo l'autostrada: tavolo per due in A1

  • Cronaca

    Coronavirus: 224 nuovi casi e 16 decessi a Firenze

  • Cronaca

    Ambulanti, protesta in piazza Signoria: "tornare subito al lavoro"

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FirenzeToday è in caricamento