Ritirare la pensione: tutti gli orari degli uffici postali di Firenze

Ecco come e dove ritirare la pensione

Per ritirare la pensione ogni mese esistono modalità diverse dai contati all'accredito sul conto corrente. Unico limite è la normativa sulle movimentazioni di denaro in contanti. Se l'importo mensile della pensione supera la soglia di legge dei 1.000 euro, il pagamento deve avvenire solo attraverso un sistema tracciabile, ovvero mediante:

  • accredito su un conto corrente bancario o postale;
  • accredito su un libretto di risparmio postale;
  • accredito su una carta prepagata dotata di Iban.

Accredito della pensione su conto corrente

Con questa modalità è possibile ricevere comodamente a casa la pensione, senza più preoccuparsi delle file in Posta o della paura di muoversi con molti contanti. L’accredito inoltre viene effettuato automaticamente il primo giorno lavorativo (cd. giorno bancabile) del mese di riferimento (diversamente da quello bancario, per il conto corrente postale anche il sabato è considerato giorno lavorativo), consentendo di guadagnare quella che in gergo bancario si chiama "valuta". Per ottenere l’accredito su c/corrente è sufficiente comunicare il proprio IBAN all’INPS, attraverso l’apposita piattaforma web, seguendo la procedura guidata. La gestione di un c/corrente ha però dei costi, anche molto diversi a seconda degli istituti bancari cui ci si rivolge.

Accredito della pensione su carta prepagata

L'accredito della pensione può avvenire su carta prepagata. Attenzione: la carta deve necessariamente essere dotata di codice iban, come la Poste pay evolution proposta da Poste Italiane, che consente poi di ritirare la somma che serve, proprio come un bancomat. Le carte prepagate in genere sono gratuite e non hanno costi di gestione, però sulle movimentazioni sono applicate commissioni non sempre economiche.

Accredito della pensione sul libretto postale

Resta valida anche l'opzione di ottenere l’accredito della pensione su libretto postale. Si tratta di un servizio di Cassa depositi e prestiti S.p.A. disponibile attraverso Poste Italiane o le banche. Il libretto postale non ha costi di apertura o di gestione (tranne l’imposta annua di bollo), ma consente al titolare di ricevere interessi sulla somma depositata. Con il libretto postale si può versare e prelevare in tutti gli uffici postali e, con la Carta Libretto, si può prelevare gratuitamente presso tutti gli sportelli ATM Postamat.

Riscossione in contanti della pensione

È possibile ritirare la pensione presso l'ufficio postale. L’Ufficio presso cui ottenere il pagamento va scelto all’atto della domanda, ma è comunque possibile, in qualsiasi momento, cambiare presentando richiesta di trasferimento (on line, sul sito dell'Inps). La pensione in contanti può essere ritirata anche da una persona diversa dal titolare del trattamento, previa presentazione alla sede INPS competente per territorio dell'apposita richiesta di delega, debitamente compilata e sottoscritta.

Gli sportelli delle Poste a Firenze

QUI per verificare gli uffici postali di Firenze abilitati al pagamento delle pensioni.

Firenze VR
Firenze
Via Pellicceria, 3
telefono: 0552736481
fax: 0552736570

Firenze 1
Firenze
Via Giuseppe Galliano, 27
telefono: 0553219231
fax: 0553200769

Firenze 11
Firenze
Via Pietro Carnesecchi, 27
telefono: 0555533331
fax: 055582392

Firenze 16
Firenze
Via Antonio Canova, 144
telefono: 055-7878731
fax: 055-7332514

Firenze 29
Firenze
Via Andrea Cesalpino, 3/A
telefono: 055-4373751
fax: 055-4221001

Firenze 39
Firenze
Via Luigi Alamanni, 14/16
telefono: 055-2674931
fax: 055-2399086

Firenze 37
Firenze
Piazza Gino Bartali, 18
telefono: 055-6583931
fax: 055-6587144

Firenze 5
Firenze
Via Torcicoda, 47/B
telefono: 055-7194831
fax: 055-713898

Firenze 6
Firenze
Piazza Giacomo Puccini, 27/A
telefono: 055-334231
fax: 055-353950

Firenze 7
Firenze
Via Pietrapiana, 53
telefono: 055-2674231
fax: 055-2645571

Firenze Campo Marte
Firenze
Via del Mezzetta, Snc
telefono: 055-609206
fax: 055-6122222

Firenze Novoli
Firenze
Via Francesco Gremignani, Snc
telefono: 055-3425318
fax: 055-315624.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Emergenza Coronavirus

Se possiedi una carta Postamat, una Carta Libretto o una Postepay Evolution, ricordati che puoi prelevare in contanti da oltre 7000 Postamat, senza recarti allo sportello.

In tutto il territorio nazionale i titolari di Conto BancoPosta, Libretto di Risparmio o Postepay Evolution, possono richiedere gratuitamente l’accredito della pensione.

In questa fase, ciascuno è invitato ad entrare negli uffici postali esclusivamente per il compimento di operazioni essenziali e indifferibili, in ogni caso avendo cura, ove possibile, di indossare dispositivi di protezione personale; di entrare in ufficio solo all’uscita dei clienti precedenti; tenere la distanza di almeno un metro, sia in attesa all’esterno degli uffici che nelle sale aperte al pubblico.

Poste Italiane e l’Arma dei Carabinieri hanno sottoscritto una convenzione grazie alla quale tutti i cittadini di età pari o superiore a 75 anni che percepiscono prestazioni previdenziali presso gli uffici postali, che riscuotono normalmente la pensione in contanti, possono chiedere di ricevere gratuitamente le somme in denaro presso il loro domicilio, delegando al ritiro i Carabinieri.

Il servizio non potrà essere reso a coloro che abbiano già delegato altri soggetti alla riscossione, abbiano un Libretto o un conto postale o che vivano con familiari o comunque questi siano dimoranti nelle vicinanze della loro abitazione.

In base alla convenzione sottoscritta, i Carabinieri si recheranno presso gli sportelli degli uffici postali per riscuotere le indennità pensionistiche per poi consegnarle al domicilio dei beneficiari che ne abbiano fatto richiesta a Poste Italiane rilasciando un’apposita delega scritta. I pensionati potranno contattare il numero verde 800 55 66 70 messo a disposizione da Poste o chiamare la più vicina Stazione dei Carabinieri per richiedere maggiori informazioni.

L’Arma dei Carabinieri e Poste Italiane continueranno ad assicurare il servizio di erogazione e consegna al domicilio delle pensioni agli ultra settantacinquenni per l’intera durata dell’emergenza Covid-19.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le espressioni che solo un vero fiorentino riesce a capire

  • 10 modi di dire fiorentini che dovresti conoscere

  • 15 Ghost-Town della Toscana che dovreste visitare

  • I veri nomi fiorentini e toscani

  • La vera ricetta della cecina

  • Come cucinare il lampredotto alla fiorentina

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FirenzeToday è in caricamento