menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il people mover pisano

Il people mover pisano

Mobilità: Giani annuncia la navetta "people mover" tra Foster e Santa Maria Novella

Grazie ai fondi del Pnrr. Percorso di poco più di mille metri senza scavi. Costo previsto: 75 milioni di euro

Tra i progetti toscani che potranno essere realizzati con le risorse del Recovery Fund c'è anche il people mover: la navetta che, nelle intenzioni dell'amministrazione, dovrebbe consentire il collegamento tra Santa Maria Novella e la stazione fiorentina dell'Alta Velocità, insieme alla realizzazione di quest'ultima.

E' quanto emerso nel corso dell'incontro tenutosi ieri pomeriggio a Roma, presso la sede del Gruppo Fs, il presidente della Toscana Eugenio Giani ha avuto con l'ad di Rfi Vera Fiorani, con la partecipazione dell'assessore toscano alle infrastrutture Stefano Baccelli.

"Le valutazioni condotte da Rfi nell'ambito di un'analisi trasportistica del nodo ferroviario fiorentino - si spiega dalla Regione - hanno indicato come soluzioni ottimali l'introduzione di un people mover tra Belfiore e la stazione di Santa Maria Novella e la realizzazione della nuova fermata Circondaria sul sistema ferroviario di superficie, collegata da percorsi pedonali alla vicina Belfiore Av. Gli interventi per l'accessibilità al sistema Belfiore Av sono confluite in quelli inviati a Bruxelles per essere finanziate all'interno del Pnrr, il Piano nazionale di ripresa e resilienza".

A Pisa un fallimento. A Firenze?

Va ricordato che a Pisa l'esperienza del "people mover" - che ora si vuole riproporre a Firenze - si è oggettivamente rivelata fallimentare, in particolare sotto il profilo economico. La pensa però diversamente il governatore Giani, secondo il quale l'incontro "ha permesso di convenire sulla grande validità del progetto che collegherà le due stazioni. Un risultato di grandissimo valore: si tratta di un investimento complessivo di 135 milioni che è parte integrante della proposta che il Governo italiano presenta all'Europa e che seguirà i tempi previsti dal Recovery Fund, con l'avvio dei lavori che dunque dovrà avvenire entro il dicembre 2022".

Percorso di 1.300 metri senza scavi, spesa prevista: 75 milioni di euro

Dei 135 milioni (presi dalla 'missione3 Pnrr- trasporti e infrastrutture), 60 saranno destinati alla realizzazione della stazione, 75 a quella della navetta che, come è stato esaminato nell'incontro, si svilupperà su un percorso di un chilometro e trecento metri e non richiederà scavi. La navetta, completamente automatizzata, si attesterà a Santa Maria Novella al binario 1-2 e avrà una potenzialità di trasporto calcolata in 21mila passeggeri al giorno. Giani illustra anche la tempistica: la "stazione alta velocità" sarà pronta "entro il 2026".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Eventi

Castello di Sammezzano: esauriti i posti per le visite del Fai

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FirenzeToday è in caricamento