Martedì, 28 Settembre 2021
mobilità

Rete ciclabile: altri due chilometri di percorsi per le biciclette

L'assessore Giorgetti: "Con il collegamento viale Belfiore-piazza Leopoldo si realizza un tratto importante della bicipolitana". Critiche sul taglio di posti auto

Quasi due chilometri e mezzo di nuove piste ciclabili. É quanto prevedono i due progetti approvati dalla giunta comunale nella seduta dell'11 agosto su proposta dell'assessore alla Mobilità Stefano Giorgetti. Il progetto più significativo è quello relativo al nuovo collegamento ciclabile tra viale Belfiore e piazza Leopoldo. In dettaglio si tratta di due nuovi tratti di percorsi ciclabili a doppio senso di marcia: il primo si sviluppa dall'incrocio tra viale Belfiore e via delle Porte Nuove e prosegue fino all'incrocio tra via Toselli e via Doni, raccordandosi con la pista esistente in viale Belfiore; il secondo inizia in via Doni in corrispondenza dell'attraversamento sul Mugnone collegandosi con quello che corre parallelamente al torrente, continua lungo via Circondaria e via Pompeo Neri fino a piazza Leopoldo.

"Con questo progetto si procede nella realizzazione della bicipolitana di cui rappresenta un tratto particolarmente significativo – sottolinea l'assessore Giorgetti –, sono infatti due chilometri di percorso protetto e dedicato che collegheranno viale Belfiore a piazza Leopoldo attraverso un quartiere molto abitato come quello di San Jacopino. Anche per questo durante la progettazione è stata dedicata grande attenzione alla riorganizzazione della viabilità che consentirà di limitare la riduzione di posti auto a circa trenta su due chilometri di pista ciclabile. Ho comunque già chiesto agli uffici di rivedere la viabilità, in particolare nella zona di San Jacopino, per incrementare dove possibile gli stalli di sosta".

Nello specifico nel primo tratto da viale Belfiore fino a via Toselli all'altezza dell'incrocio con via Doni la ciclovia sarà realizzata sul lato sinistro della carreggiata, in sede propria e in quota con il marciapiede. Il secondo tratto supera il Mugnone in sede propria e poi prosegue su via Circondaria sulla destra tra il marciapiede e i posti auto da cui sarà separata dal cordolo; nel sottopasso ferroviario, sarà risagomato il marciapiede e realizzato un tratto in pedo-ciclabile con doppio senso per le biciclette. La pista continua sempre sul lato destro della viabilità fino a piazza Tanucci, dove sarà costruita in sede propria in affiancamento allo spazio pedonale; prosegue poi su via Pompeo Neri fino all'arrivo in piazza Leopoldo. Investimento previsto circa di un milione e 200mila euro.
La seconda delibera prevede l'estensione e i raccordi di alcuni percorsi ciclabili esistenti in modo da migliorare la funzionalità della rete. In dettaglio sono tre interventi distinti in zone diverse della città: in via Austria nel Quartiere 3 (125 metri), viale dei Platani (160 metri) e lo Stradone dell'Ospedale nel Quartiere 4 (188 metri), per uno stanziamento di 180mila euro.

Via Austria
Il progetto prevede il prolungamento e miglioramento del percorso ciclabile esistente fino alla scuola Kassel. Tre le tipologie di intervento: la manutenzione straordinaria della pista esistente in Austria, la realizzazione di un nuovo tratto in sede propria dove adesso c'è il percorso pedo-ciclabile sul marciapiede, il prolungamento della pista in via Svizzera fino all'ingresso della scuola. A fine lavori il tratto sarà interamente in sede protetta con cordolo di delimitazione. Previsti anche l'allargamento dei marciapiedi puntuali e la collocazione di nuove rastrelliere.

Viale dei Platani
Si tratta della realizzazione di una pista ciclabile in sede propria a doppio senso che andrà a raccordare il percorso pedo-ciclabile esistente sull'argine dell'Arno con quello esistente in viale dei Platani da via Torcicoda a via Viani. Attualmente nel tratto interessato è presente un percorso ciclabile evidenziato dalla sola segnaletica stradale e quindi senza protezioni. La nuova pista sarà realizzata sul lato opposto rispetto al percorso ciclabile esistente (ovvero lato numeri civici pari). Per avere una migliore connessione l’attuale percorso pedo-ciclabile in viale dei Platani sarà protetto da uno spartitraffico. Previsto anche il posizionamento di una nuova rastrelliera e, per giungere a un collegamento lineare tra il vecchio percorso pedociclabile in viale dei Platani e la nuova pista, sarà allargata l'area riservata a pedoni e biciclette in corrispondenza dell'incrocio con via Viani. 

Stradone dell'Ospedale
L'intervento consiste in un nuovo tratto di pista ciclabile di collegamento tra quella di via Nilde Iotti e quella prevista nel progetto del parcheggio scambiatore di Ponte a Greve, dando così continuità alla rete dei percorsi ciclabili della zona. In dettaglio la pista inizia nel margine destro della carreggiata provenendo da via Nilde Iotti, prosegue in rettilineo fino a via del Ronco Lungo dove sarà realizzato un attraversamento ciclabile e poi prosegue sullo Stradone dell'Ospedale fino ad arrivare al futuro parcheggio scambiatore. Anche in questo caso sarà realizzata in sede propria con spartitraffico. 

Addio posti auto 

Ovviamente le modifiche comporteranno una riduzione dei punti di sosta in strada. A tenere il conto sono gli esponenti comunali di Fratelli d’Italia Alessandro Draghi e Jacopo Cellai. "Annunciando le nuove piste ciclabili da Piazza Leopoldo a Porta al Prato, che passeranno in via Toselli e via delle Porte Nuove, l'assessore si era affrettato a dare i numeri degli stalli di sosta che saranno persi, un po' a casaccio: una trentina dichiarava. In realtà sono 38 ma i problemi non finiscono qui, anzi sono appena iniziati. In via Toselli per non cancellare i posti esistenti, la carreggiata della strada sarà ristretta notevolmente, ciò che ne consegue è noto a tutti: durante la fermata dei mezzi di trasporto pubblico, dei mezzi Alia in fase di carico-scarico dei cassonetti e di altri veicoli che si fermano per qualsiasi ragione, le auto saranno costrette a rimanere incolonnate". 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rete ciclabile: altri due chilometri di percorsi per le biciclette

FirenzeToday è in caricamento