rotate-mobile
mobilità

Dalla sorgente alla foce, la Regione punta alla mega pista ciclabile che correrà lungo l'Arno

Si chiamerà 'ciclopista dell'Arno', un lungo tracciato di 270 km che dalla sorgente arriverà fino alla foce. Attraverserà 4 province e 48 comuni. A questo progetto la Regione destinerà 9 milioni in tre anni

La mobilità verde, quella a pedali e a due ruote, ha bisogno di infrastrutture. Detta meglio, di piste ciclabili: corridoi preferenziali per la bici al riparo dal traffico urbano. Per questo la Regione Toscana ha messo nel mirino un obiettivo ambizioso, raddoppiare i chilometri delle ciclabili: da 500 a 1000 (Attualmente in Toscana ci sono oltre 350 km di piste ciclabili e 100 di percorsi ciclo-turistici, e altri 50 sono in fase di realizzazione). Un progetto che conta, tra l'altro, la realizzazione  della ‘ciclopista dell'Arno’, un lungo tracciato di 270 km che dalla sorgente arriverà fino alla foce. 

E’ questo quanto affermato dall’assessore alle infrastrutture Vincenzo Ceccarelli durante la campagna promozionale dal titolo ‘Terra di ciclisti’, in vista dei Mondiali di ciclismo 2013 in programma a Firenze dal 22 al 29 settembre. La campagna viene lanciata da oggi presso le 13 aree di servizio autostradale presenti nelle province interessate dal mondiale. Un maxi poster e una brochure spiegheranno il forte rapporto tra la Toscana (che ha dato i natali a grandi campioni come Bartali e dove circa la metà dei residenti tra i 14 ed i 70 anni utilizza la bicicletta) con il ciclismo. L’opuscolo evidenzia il lavoro fatto e le azioni programmate, soffermandosi in particolare sulla ciclopista dell’Arno che attraverserà 4 province e 48 comuni. A questo progetto la Regione destinerà 9 milioni in tre anni. 

Entro fine 2013 è prevista l’emanazione dei bandi per la parte della ciclopista che ancora non è stata progettata e per il finanziamento delle prime opere sulla parte già ideata. Una parte dei percorsi già esiste (circa 100 km) ed entro il 2015 è prevista la realizzazione di almeno metà della ciclopista. “Il Mondiale – ha evidenziato Ceccarelli – sarà un momento irripetibile per sancire la passione assoluta che la Toscana ha per la bicicletta, ma vorremmo che fosse anche un ulteriore volano per far conoscere la rete di mobilità ciclabile che abbiamo costruito e i progetti che stiamo realizzando”. La campagna, ha aggiunto, “sintetizza tutto questo e contiene quindi un duplice invito: il primo è quello a venire in Toscana nei giorni del mondiale, il secondo a tornarci in seguito, magari per provare le piste ciclabili che ci stiamo impegnando a realizzare.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dalla sorgente alla foce, la Regione punta alla mega pista ciclabile che correrà lungo l'Arno

FirenzeToday è in caricamento