rotate-mobile
mobilità Londa

Pista ecoturistica: finanziamenti per il Mugello

Nascerà un percorso di oltre 100 chilometri

I quaranta chilometri di pista ecoturistica in Mugello diventeranno cento grazie al progetto “Ciclovia della Sieve”, di cui l'Unione Montana dei Comuni del Mugello è Ente promotore e capofila, un progetto che rappresenta uno sviluppo strategico del “Sistema Integrato Ciclovia dell’Arno e Sentiero della Bonifica” individuato dal Piano Regionale Integrato delle Infrastrutture e della Mobilità (PRIIM) quale ciclovia di interesse regionale prioritario.

Parte della Ciclovia della Sieve è l'“Itinerario dei Tre Laghi” che rappresenta un fondamentale snodo di collegamento fra la Ciclovia del Sole, nel tratto che si sviluppa lungo la valle del Bisenzio, e la Ciclovia dell’Arno, sia in direzione sud est verso Pontassieve, che in direzione ovest verso la valle del Casentino. L'itinerario dei tre laghi si sviluppa da Montepiano (Barberino di Mugello) a Londa, mettendo in collegamento gli invasi di Bilancino, Vicchio e appunto Londa.

Il progetto, che prevede un investimento di 5 milioni di Euro, ha ricevuto ufficialmente i finanziamenti da parte della Regione Toscana per 4 milioni di Euro in tre anni a cui si aggiungeranno gli ulteriori fondi dell’Unione Montana dei Comuni del Mugello.

Il percorso della ciclovia vedrà l’integrazione con le stazioni ferroviarie nell'ottica di implementare l'interscambio bici-treno, oltre che il collegamento con i principali centri urbani dei comuni di Barberino di Mugello, Scarperia e San Piero, Borgo San Lorenzo, Vicchio, Dicomano e Londa.

L’Unione Montana dei Comuni del Mugello ha da sempre creduto nello sviluppo turistico e ambientale della pista ecoturistica con il tratto tra Borgo e Vicchio, circa 9 chilometri, inaugurato nel 2010 con un costo di circa 900 mila euro e creato grazie a fondi Unione e a stanziamenti CIPE. Percorso a cui si sono poi aggiunti i tratti di Dicomano, quello da Borgo San Lorenzo verso Larciano, quelli tra San Piero a Sieve e Scarperia (costo complessivo di oltre 1 milione e 150mila Euro) e gli stralci lungo Bilancino. Circa quaranta chilometri già funzionanti a cui alcuni comuni hanno allacciato le proprie piste ciclabili, come a Borgo San Lorenzo dove dalla pista ecoturistica si possono raggiungere i principali servizi.

“Grazie al lavoro fatto dagli uffici dell’Unione, alla nostra perseveranza e all’attenzione della regione Toscana - commenta il sindaco di Borgo San Lorenzo Paolo Omoboni che in Unione ha la delega alla mobilità – portiamo a casa un risultato che permetterà di completare i tratti di pista ecoturistica che oggi mancano. I dati che abbiamo ci dicono che i percorsi esistenti sono già oggi molto utilizzati. Sarà un’infrastruttura di mobilità sostenibile molto importante per il Mugello e per l’attività turistica per questo saranno importanti anche i fondi per la manutenzione del manto che con gli anni si deteriora”.

"L'unione dei Comuni – afferma il presidente Stefano Passiatore - si conferma fondamentale per lo sviluppo di progetti di area che hanno una valenza enorme per la crescita dell'intero territorio soprattutto, ma non solo, da un punto di vista turistico. Dal 2017 abbiamo iniziato a lavorare per l'ampliamento della pista ecoturistica, per lo sviluppo della mobilità sostenibile, lo abbiamo fatto a partire dalla firma del protocollo con RFI e oggi portiamo a casa un risultato importante: risorse certe per la realizzazione di un progetto ambizioso e fondamentale per tutto il Mugello e la Valdisieve. Ringrazio la Regione Toscana per quanto ha fatto e tutti i soggetti coinvolti per aver creduto nel progetto”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pista ecoturistica: finanziamenti per il Mugello

FirenzeToday è in caricamento