Trekking e passeggiate: il percorso sulle pendici del Sasso di Castro

Salendo lungo il percorso, dopo circa 300 metri seguendo una deviazione sulla destra è possibile avvistare i mufloni

L’itinerario parte nella località il Faggiotto, al km. 50 della Strada Regionale della Futa (S.R. n. 65), lungo il sentiero CAI 737. Salendo lungo il percorso, dopo circa 300 metri una deviazione sulla destra ci porta in un punto da cui è possibile avvistare i mufloni. Proseguendo oltre la deviazione, dopo avere essere passati nelle vicinanze dell’area di sosta “il Boschetto”, al bivio bisogna piegare decisamente verso sinistra sempre seguendo il sentiero CAI 737.

Qui inizia un tratto di percorso che corre a mezza costa sulle pendici del Sasso di Castro. Giunti in prossimità della cava il sentiero inizia a salire rapidamente, e dopo poco si trova sulla destra la deviazione che, sempre seguendo il sentiero CAI 737, entra nel bosco e porta alla vetta del monte (1276 m s.l.m.) dove è posta una croce.

Dopo l’ascensione alla vetta, volendo si può tornare al punto di partenza ripercorrendo l’itinerario dell’andata; in questo caso il tempo di percorrenza complessivo è di 1:30 circa.

Altrimenti, una volta tornati alla base della deviazione che porta alla vetta del monte si può proseguire completando l’anello che gira intorno al Sasso di Castro.

ATTENZIONE: Il tratto originale del percorso dalla deviazione per la vetta del Sasso di Castro verso la Fontanina dell’Amore è stato asportato con la ripresa dell’attività estrattiva nella cava sottostante. Il percorso è stato spostato più a monte; l’itinerario mostra un altro sentiero di raccordo che costeggia il bordo della cava, ma a causa dell’allargamento progressivo del fronte di cava, non è garantita la percorribilità in questo tratto.

Una volta percorsa la sommità del monte nel tratto che costeggia il fronte di cava facendo molta attenzione, dopo poche centinaia di metri si imbocca una strada sterrata che dopo poco arriva ad un grande prato dove si trova la Fontanina dell’Amore, in prossimità della quale si trova anche un’area di sosta attrezzata.

Successivamente la strada sterrata prosegue nel bosco ed in leggera salita fino al bivio per la Ca’ di Barba (Centro Agrituristico dei Monti Freddi). Al bivio si prende la strada sulla destra, indicata come sentiero CAI n. 735. Il sentiero prosegue a mezza costa nel bosco, scendendo leggermente. Dopo circa 1 Km si costeggia una prima radura a prato e subito dopo si arriva ad un’altra radura nella quale si trova una fonte, la Fonte ai Prati, ed un’area di sosta attrezzata.

Dopo l’area attrezzata il sentiero CAI scende per un breve tratto fino ad un bivio; il sentiero sulla destra è una scorciatoia che abbrevia leggermente il percorso; altrimenti si prosegue sul sentiero CAI che attraversa un’altra radura per poi piegare a destra scendendo sempre nel bosco.

Alla fine della discesa c’è un bivio in cui il sentiero CAI prosegue girando verso sinistra e dove invece bisogna girare a destra per concludere l’itinerario attorno al Sasso di Castro.

Proseguendo quindi verso sinistra, all’incirca in piano, si alternano tratti di bosco e radure e dopo poco ci si ricongiunge alla scorciatoia descritta in precedenza. Dopo 100 m dal raccordo con la scorciatoia, in località Prà di Cencio il sentiero si biforca.

Prendendo sulla destra, il sentiero 1 prosegue in leggera discesa nel bosco fino ad arrivare alla sella tra il Monte Rosso ed il Sasso della Civetta.

Alla sella si può imboccare, piegando decisamente a sinistra, un tratto si sentiero che, sempre nel bosco, scende verso Covigliaio, località Chiesa.

Proseguendo invece dritto, sempre nel bosco ed in leggera discesa, si raggiunge il sentiero CAI 737 in prossimità del bivio presso l’area di sosta attrezzata in località Boschetto già incontrata all’andata. Prendendo quindi il sentiero CAI 737 sulla sinistra si scende verso il punto di partenza dell’itinerario in località il Faggiotto.

I punti d'interesse del percorso

Sulla vetta Sasso di Castro, a 1276 m, bellissimo punto panoramico.
Area di sosta “Fontanina dell’Amore” con panche e tavoli all’ombra di un bosco di conifere.
Area di sosta attrezzata della Fonte ai Prati Area di sosta attrezzata servizi
Area attrezzata in località Boschetto.

unghezza (m) 8750
Tempo di percorrenza 04:00
Accesso Sentiero privato con servitù
Valore del sentiero interesse prevalentemente panoramico
Livello di difficoltà privo di difficoltà tecniche
Adatto/non adatto ai bambini Non adatto a bambini ed anziani
Accessibile/non accessibile a persone disabili Non accessibile a disabili
Lunghezza (m) 8750
Tempo di percorrenza 04:00
Accesso Sentiero privato con servitù
Valore del sentiero interesse prevalentemente panoramico
Livello di difficoltà privo di difficoltà tecniche
Adatto/non adatto ai bambini Non adatto a bambini ed anziani
Accessibile/non accessibile a persone disabili Non accessibile a disabili

Mezzi di percorribilità solo a piedi
Fondo del tracciato Misto
Ambiente prevalente nel quale si sviluppa il sentiero (bosco, macchia, terreno…) bosco
Percorribilità del sentiero transitabile
Esposizione prevalente del sentiero nessuna
Morfologia prevalente del paesaggio su cui si sviluppa il sentiero mezza costa
Qualità della segnalazione del sentiero sufficiente
Dislivello totale andata (m) 515
Dislivello totale ritorno (m) 0
Nome località di partenza Località Il Faggiotto
Nome località di arrivo Località Il Faggiotto
Quota di partenza (m) 925
Quota di arrivo (m) 925
Segnavia (elemento alfanumerico o di altro tipo che caratterizza il sentiero) rosso

Informazioni dal sito della Città Metropolitana di Firenze

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: Giani preme per anticipare il ritorno in zona arancione (e gialla)

  • Natale: 6 libri ambientati a Firenze da mettere sotto l'albero

  • Coronavirus: nuova ordinanza in Toscana  

  • Coronavirus, Giani: "Toscana arancione da domenica"

  • Oroscopo Paolo Fox oggi 3 dicembre 2020, le previsioni segno per segno

  • Ex Panificio Militare: i lavori per la nuova Esselunga slittano ancora

Torna su
FirenzeToday è in caricamento