Rossi: "Obiettivo zero emissioni nette entro il 2050"

Gli impegni della Regione dopo lo sciopero mondiale dei ragazzi

Dopo l'appello di Greta Thunberg per salvare il pianeta e lo sciopero mondiale dei ragazzi contro i cambiamenti climatici, il presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi, interviene sul protagonismo delle piazze toscane con una lettera al direttore del quotidiano La Nazione e chiarisce il suo impegno: "La politica più che aderire deve fare". Per Rossi "retorica e strumentalizzazioni lasciano il tempo che trovano.

Chi governa o aspira a farlo deve prendere impegni a dare risposte. E' quello che proverò a fare nei prossimi giorni puntando a zero emissioni nette entro il 2050. Considerato che il Piano dell'energia e del clima presentato dal governo è insufficiente, noi toscani faremo le nostre scelte grazie anche alla forte spinta che arriva dall'Europa". Rossi sintetizza gli impegni che la Giunta regionale può mettere nero su bianco sin dalle prossime settimane, a partire da un sostegno ancora più spinto alle energie rinnovabili, dal fotovoltaico alla geotermia, ad una lotta più forte al consumo di suolo; dall'approvazione di una legge sull'economia circolare per ridurre i rifiuti al contrasto dell'emergenza plastiche iniziando dal mare e dagli stessi uffici regionali, per dare l'esempio.

L'impegno quotidiano di volontari, pescatori e imprese alimentari e della grande distribuzione ha dimostrato grande attenzione all'emergenza plastiche in mare. "Non basta però toglierle da spiagge e acque, avverte il presidente. "Bisogna contrastare il problema alla radice. Predisporremo per questo a un programma per eliminare l'uso della plastica a partire dalla galassia regionale: penso al centro direzionale di Novoli, alle sedi distaccate, agli ospedali. Spingeremo i Comuni, grandi e piccoli a fare lo stesso. Queste azioni daranno benefici di ogni tipo. I toscani sono pronti a fare la loro parte. È una grande scelta collettiva e lungimirante che avrà implicazioni etiche ed economiche, per il lavoro e la sopravvivenza umana". "È necessario cambiare strategia e visione del futuro", conclude il suo pensiero Enrico Rossi. "La terra ci è data in prestito dai nostri figli".

(Fonte AdnKronos)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sangue in Piazza Stazione: accoltellato con una mannaia 

  • Prima nevicata in Toscana | FOTO

  • La terza e ultima stagione de I Medici: tutte le informazioni

  • Meteo, arriva il primo freddo: le previsioni della settimana

  • Novoli: sorpreso sulla tramvia senza biglietto si mette nei guai da solo

  • Coverciano: pino cade sulle auto parcheggiate / FOTO

Torna su
FirenzeToday è in caricamento