Bagno a Ripoli: fibra ottica anche nelle frazioni isolate, internet veloce per tutti

Grazie agli investimenti della Regione Toscana si navigherà fino a 1 gigabit al secondo

Partono i lavori per stendere la fibra ottica in tutto il comune fiorentino di Bagno a Ripoli, per portare entro luglio 2020 anche nelle frazioni e nei borghi più isolati internet fino a un gigabit al secondo.

Le frazioni interessate sono Picille, Grassina, Ponte a Ema, Antella, Lappeggi, Balatro e Balatro Rosso, San Martino, Osteria Nuova, la Torre e Santa Chiara, tutte frazioni che ricadono nelle cosiddette ‘aree bianche', zone cioè dove i privati non investono perché non conveniente, troppo poco abitate o con una scarsa concentrazione di attività economiche.

I lavori sono finanziati dalla Regione Toscana con risorse europee e saranno realizzati da Open Fiber, che si è aggiudicata il bando pubblico nazionale di Infratel, società del Ministero allo sviluppo economico. La fibra ottica, per garantire migliori prestazioni, sarà portata fino alla soglia delle abitazioni e non si fermerà alle centraline.

A Bagno a Ripoli saranno 3.014 le unità immobiliari cablate, per una spesa di circa 840mila euro. Saranno stesi oltre 35 chilometri di fibra, per 29 dei quali saranno utilizzati cavidotti e canaline già esistenti.
Tra le utenze raggiunte anche due scuole (la primaria Michelet in via di Pulicciano e la scuola dell'infanzia Cocchi a Balatro) e il teatro comunale di Antella. La rete sarà data in concessione per venti anni a Open Fiber, che ne curerà la manutenzione, e rimarrà di proprietà pubblica.

"Una connessione veloce vuol dire per le aziende essere più competitive. Significa facilitare l'industria 4.0 e rendere più semplice la vita ai cittadini che scelgono di restare o tornare a vivere in campagna”, - commenta Vittorio Bugli, assessore regionale all'innovazione. "Grazie agli investimenti della Regione – aggiunge il sindaco di Bagno a Ripoli Francesco Casini -, la fibra ottica diventa realtà anche nelle frazioni più lontane, che significa nuovi strumenti di competitività alle aziende e maggiori opportunità ai cittadini, superando il 'digital divide'”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Uomo morto nella sua auto: è il genero di Roberto Cavalli

  • Tramvia sovraffollata, la Cgil: “Situazione insostenibile"

  • Via Palazzuolo: completamente nuda semina il panico in strada

  • Aeroporto di Peretola: nuovi voli da Firenze grazie a Vueling

  • Un nuovo spazio verde a Firenze: ecco dove

  • Droga a Greve in Chianti: beccati con 16 spinelli, denuciata coppia

Torna su
FirenzeToday è in caricamento