menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Credits: Pixabay

Credits: Pixabay

Le foreste che curano: nasce il libro sulla Terapia Forestale

Da una ricerca condotta dal comitato scientifico Toscano del CAI e dall’Istituto per la BioEconomia del CNR

Le foreste sono risorse fondamentali per la vita umana e immergersi nella foresta significa fare un autentico bagno di salute. Gli effetti benefici sulla salute che derivano dall’esposizione agli ambienti forestali sono ben noti, tanto che in alcuni paesi la terapia forestale ha un ruolo riconosciuto nella prevenzione medica. 

L’immersione in una foresta produce dunque effetti diretti e misurabili con un’azione ad ampio spettro che investe, tra le altre, la sfera psicologica, neurologica, cardiocircolatoria e immunitaria.

I benefici di questa terapia forestale sono stati analizzati e raccolti in un omonimo libro, nato dalla ricerca congiunta condotta dal comitato scientifico Toscano del Cai (Club Alpino Italiano), recepita e ampliata dal Comitato Scientifico Centrale (Cai-Csc), e dall’Istituto per la BioEconomia del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR-IBE), con la collaborazione scientifica del Cerfit (centro di ricerca e innovazione in fitoterapia e medicina integrata, struttura di riferimento per la regione Toscana) presso Aou Careggi.

Una ricerca che ha visto protagonisti diversi esperti scientifici di settore, da medici, biologi, forestali, fisici, psicologi e altri professionisti, il cui fine è stato provare i benefici delle foresta per la nostra salute. Il libro ha le sue fondamenta in accurate ricerche scientifiche, che spaziano dallo studio della tipologia dei composti organici volatili emessi dalla foresta al loro beneficio testato su gruppi di persone che hanno partecipato a sessioni di “terapia forestale”.

Una disciplina, non nuova per l’oriente ma che adesso aspira a svilupparsi anche in Italia ed a presentarsi come strumento di medicina complementare a disposizione del servizio nazionale. Il libro, a cura di Francesco Meneguzzo, Vicepresidente del Comitato Scientifico Centrale del CAI, e Federica Zabini dell'Istituto per la BioEconomia (CNR - Sesto Fiorentino), è inoltre disponibile e scaricabile gratuitamente

L'appuntamento è sabato 27 febbraio alle ore 15:00 presso una stanza virtuale del Comune di Vaglia con l’Assessore e Vicesindaco di Vaglia Laura Nencini e con vari protagonisti che hanno lavorato alla stesura del libro: l'incontro si svolgerà online, ed è possibile partecipare attraverso questo link.

“Un bellissimo progetto”, spiega il vice sindaco Laura Nencini, “che ci fa comprendere l’importanza delle nostre foreste non solo rispetto all’equilibrio ambientale e al sostentamento della vita umana, ma anche dal punto di vista dei benefici diretti, misurabili e significativi sulla salute. Ho invitato gli studiosi e creatori di questa ricerca nel nostro Comune affinché si potesse pensare anche a dei progetti di terapia forestale nel territorio comunale di Vaglia, luogo che per i suoi boschi pregiati e l’agevole accesso dal vasto bacino urbano sottostante, è sicuramente candidato per ospitare persone in cerca di benessere a 360 gradi, in vista anche della possibilità concreta per il servizio sanitario pubblico di erogare vere e proprie prescrizioni di terapia forestale.”

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FirenzeToday è in caricamento