rotate-mobile
Venerdì, 3 Febbraio 2023
Green

Baker Hughes presenta l’iniziativa "Future of Work" e inaugura il progetto "Arte Ambiente": tre murales realizzati dagli studenti fiorentini

Il progetto aziendale prevede 28 milioni di investimenti in 4 anni per ripensare diversamente gli spazi all’insegna di collaborazione, inclusività e sostenibilità

Si è tenuta oggi, nel Campus Baker Hughes di Firenze, alla presenza dell’assessore allo sport e politiche giovanili del Comune di Firenze Cosimo Guccione e dei vertici di Baker Hughes, la presentazione dei nuovi spazi comuni all’insegna di collaborazione, inclusività e sostenibilità, che ha visto un investimento da parte dell’azienda di tecnologia al servizio dell’energia e dell’industria di 28 milioni di euro in quattro anni. Contestualmente, sempre negli spazi di pertinenza dell’azienda, è stato inaugurato il progetto Arte Ambiente, tre murales realizzati da 22 studenti dell’istituto fiorentino Isis Da Vinci insieme ad alcuni street artist professionisti, a seguito di un bando lanciato dall’azienda nel marzo scorso, e che raffigura alcuni dei pilastri fondanti dell’azienda: le persone (People), l’innovazione (Innovation) e la sostenibilità (Sustainability).

“Con questa iniziativa vogliamo dare valore a tre aree su cui puntiamo fortemente: le nostre persone, l’innovazione e la sostenibilità” - ha commentato Paolo Noccioni, presidente di Nuovo Pignone, IET, Baker Hughes. “I nostri obiettivi sono il rafforzamento dell’impegno con la comunità e la volontà di rendere il nostro campus un’area ancora più bella, attrattiva e piacevole, per tutti. In particolare, abbiamo previsto misure di efficientamento energetico, una riprogettazione di alcune aree del campus e, più in generale, assicurato massima flessibilità nella gestione del modo di lavorare ai nostri dipendenti, per permettere di esprimere al meglio il loro potenziale e favorire il work-life balance. Il tutto inserito all’interno di un vero e proprio processo di trasformazione della cultura aziendale, un percorso ampio che stiamo studiando di estendere gradualmente anche ad altri siti, quello che noi chiamiamo il future of work”.

 Baker Hughes presenta l’iniziativa "Future of Work" e inaugura il progetto "Arte Ambiente"

"Firenze si arricchisce di altre opere di street art dal forte valore sociale” - ha sottolineato l'assessore alle politiche giovanili Cosimo Guccione. “Le nuove pareti d’autore, la cui realizzazione ha visto protagonisti anche gli studenti di sei istituti superiori fiorentini, fanno parte di un bellissimo progetto di Baker Hughes, una realtà rilevante e di spicco della città. I murales sono un modo diretto per lanciare messaggi significativi e accompagneranno tutti in quel percorso di consapevolezza sui valori della sostenibilità e dell'inclusione che ritroviamo realizzati graficamente".

La riprogettazione degli spazi secondo la cultura Future of Work

Il campus Baker Hughes di Firenze ha visto la riprogettazione di alcune aree comuni con la realizzazione di nuove strutture come il percorso podotattile, bagni gender-free, gli spazi comuni dedicati alla socializzazione e le nuove meeting room. Altre aree sono attualmente in corso di riprogettazione, come ad esempio l’area mensa, in cui sarà prevista l’installazione di una innovativa “Fabbrica dell’Aria”, una struttura in grado di purificare l’aria ad emissioni zero.

Il progetto future of work, ha tra i principali punti cardine la flessibilità, lasciando a ciascun dipendente la gestione autonoma delle modalità e degli orari di lavoro. Ciò si traduce anche, a livello contrattuale, nella possibilità di svolgere il proprio lavoro completamente da remoto, compatibilmente con le mansioni previste. Ad oggi, sono oltre il 70% i dipendenti eleggibili che hanno scelto questa opzione, basata sulla produttività e sul raggiungimento degli obiettivi. Tutti gli aspetti relativi alle modalità di lavoro agile sono disciplinati nel contratto integrativo aziendale.

Future of Work nasce a partire dalle sfide dell’emergenza sanitaria, con il 95% della forza lavoro che ha operato in modalità remota, a seguito di un sondaggio tra i dipendenti per capire le direttrici del lavoro post COVID-19. Dopo un’analisi più dettagliata, che si è estesa anche ad un benchmark con altre aziende e a uno studio specifico sulle aspettative lavorative di Millennial e GenZ, nel 2021 è stato organizzato un progetto pilota che mirava a sperimentare i nuovi modi di lavorare in diverse funzioni dell’azienda. L’impegno di Baker Hughes di includere e promuovere la diversità si esplicita anche nel crescente numero di assunzioni in rosa, che nel 2022 in Italia ha rappresentato il 45% del totale.

Progetto Arte Ambiente

L’iniziativa, nata dall’emissione del bando “Il futuro attraverso i vostri occhi” rivolto alle scuole secondarie del Comune di Firenze, ha raccolto la partecipazione di 6 istituti - liceo Castelnuovo, istituto Calamandrei, liceo artistico di Porta Romana, Isis Da Vinci, liceo Galileo e liceo Da Vinci - e oltre 150 studenti che hanno sottoposto 65 diverse proposte.

I progetti vincitori sono stati successivamente selezionati da una giuria tecnica e votati da 1.800 colleghi di Baker Hughes. I murales sono inoltre all’insegna della sostenibilità grazie all’utilizzo di una vernice trasparente che migliora la qualità dell’aria e sanifica l’ambiente. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Baker Hughes presenta l’iniziativa "Future of Work" e inaugura il progetto "Arte Ambiente": tre murales realizzati dagli studenti fiorentini

FirenzeToday è in caricamento