rotate-mobile
La novità / Centro Storico

Foto e smartphone per combattere l’abbandono dei rifiuti. E per la carta arriva il ritiro “on demand”

Segnalazioni da inviare tramite la app di Alia: nel centro storico raccolta entro tre ore, sei nel resto della città

Qui il link per seguire il canale whatsapp di FirenzeToday

Un telefono cellulare, si scatta la foto dei rifiuti abbandonati e si invia ad Alia tramite app. Il ritiro arriva a stretto giro dalla segnalazione, tre ore nel centro storico, sei nel resto della città. È una delle novità annunciata oggi da Comune e Alia che parlano di “rivoluzione digitale” con i servizi on demand, ad esempio la raccolta della carta dove è presente il porta a porta anziché il cassonetto per la differenziata. L’obiettivo è quello di avere più efficienza, pulizia e decoro, rispondendo alle critiche sollevate dagli utenti. 

400 operatori in contatto con la control room

Tre i grandi cambiamenti illustrati oggi. Anzitutto il ritiro dei rifiuti abbandonati, con un team dedicato di 400 operatori Alia (32 le nuove assunzioni dedicate proprio a questo servizio) dotati di smartphone e in costante contatto con la control room aziendale per gestire in tempo reale le segnalazioni, sette giorni su sette, h24. Sarà sufficiente inviare una foto tramite la Aliapp per poter ottenere la rimozione di sacchetti o rifiuti sparsi, sia in strada che davanti ai cassonetti. 

“Su Firenze va in atto una guerra senza precedenti agli abbandoni dei rifiuti, con garanzie sui tempi di ritiro impressionanti. Con la app cittadini, passanti, turisti, potranno segnalare alla centrale i rifiuti abbandonati e riceveranno a loro volta un avviso fotografico dopo la raccolta. È una vera rivoluzione che fa di Firenze la città più efficiente e veloce nel ritiro degli abbandoni e anche del ritiro della carta e dei cartoni di tutta Italia”, esulta il sindaco Nardella citando anche il motto di Rocco Commisso, “fast, fast, fast”

Raccolta della carta anche on demand, extra calendario

Quella della carta è infatti la seconda novità: i cittadini, sempre utilizzando la app potranno attivare un servizio on demand al di fuori dei giorni prestabiliti per la raccolta porta a porta rivolto anche alle utenze non domestiche, turisti o lavoratori. Anche questo servizio extra calendario è attivo sette giorni su sette h24 nel centro storico, dove non sono presenti i cassonetti per la carta. Sarà sufficiente attivare il Gps e premere poi il pulsante di richiesta automaticamente disponibile.

“Stiamo facendo un lavoro enorme contro l’abbandono dei rifiuti, adesso diamo risposte non solo a monte, ma anche a valle - commenta l’assessore all’Ambiente Andrea Giorgio - Si tratta di strumenti importanti per costruire servizi che rispondano in maniera flessibile alle esigenze delle persone”.

Due servizi che fanno parte del più ampio processo di digitalizzazione aziendale: la nuova App infatti, valida per tutti e 58 i Comuni gestiti da Alia permette, fra le altre cose, di prenotare il ritiro dei rifuti ingombranti, consultare i calendari di raccolta nelle aree in cui è attivo il porta a porta, vedere la mappa degli Ecocentro, segnalare cassonetti danneggiati, un mancato ritiro, oltre a poter visualizzare (e pagare) le bollette.

“L’obiettivo è portare l’azienda ad essere sempre più cliente-centrica - aggiunge il presidente di Alia Multiutility Lorenzo Perra - Una nostra recente indagine ha diostrato come l’abbandono dei rifiuti e i piccoli e grandi gesti di inciviltà costino ad Alia e dunque alla collettività, una cifra che si aggira attorno ai 20 milioni di euro l’anno”. 

“Abbiamo l’ambizione di ridisegnare l’esperienza degli utenti efficientando i costi del servizio: puntiamo a fare quello che serve quando sere ingaggiando sempre di più i nostri clienti nello sfozo verso la sostenibilità”, infine, le parole dell’ad di Alia Alberto Irace.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Foto e smartphone per combattere l’abbandono dei rifiuti. E per la carta arriva il ritiro “on demand”

FirenzeToday è in caricamento