Scuola

I musei di Firenze online per scuole e studenti

Un'offerta educativa digitale ampia, elaborata a seguito di un’indagine preliminare compiuta grazie alla collaborazione di dirigenti scolastici e insegnanti

Museo Stefano Bardini

Nel difficile momento che stiamo attraversando e a fronte delle nuove misure restrittive, la Città Metropolitana, il Comune di Firenze e MUS.E a partire da novembre 2020 presentano un programma digitale di proposte interattive a distanza nei musei fiorentini: Museo di Palazzo Vecchio, Museo Stefano Bardini, Museo di Santa Maria Novella, Cappella Brancacci, Museo di Palazzo Medici Riccardi, MAD – Murate Art District, centro storico Patrimonio Mondiale. Il programma è dedicato alle scuole e definito insieme all’Ufficio Chiavi della Città del Comune di Firenze.

Alla sfida, già in atto ormai da molti mesi, che ha visto i musei costretti a rivoluzionare senza sosta la loro proposta culturale nel tentativo di offrire, grazie al supporto del digitale, il proprio sostegno alla società, i musei fiorentini rispondono ora con un’offerta educativa digitale ampia, elaborata a seguito di un’indagine preliminare compiuta grazie alla collaborazione di dirigenti scolastici e insegnanti. A loro è stato sottoposto un questionario online che ha consentito di modellare un programma aderente ai loro bisogni, cercando di tenere conto dei complicati contesti in cui ci troviamo a vivere in questo periodo.

Il programma si articola in quattro diversi settori ordinando le proposte a seconda del grado di istruzione: Il museo racconta, per la scuola dell’infanzia e il primo ciclo della scuola primaria; Storie e invenzioni, per il secondo ciclo della scuola primaria; Dentro l’opera, per la scuola secondaria di primo grado, e Focus, per la scuola secondaria di secondo grado.

I più piccoli potranno essere guidati alla scoperta delle origini e dei segreti della città e dei suoi luoghi grazie a storie che si ispirano a opere o dettagli caratteristici dei musei fiorentini, come Per fare una città ci vuole un fiore, che prende spunto dai gigli che decorano le sale di Palazzo Vecchio per il racconto sul fiore simbolo della città.

Le proposte interattive pensate per gli studenti della scuola primaria e secondaria permetteranno di esplorare da vicino le opere d’arte conservate nei musei cittadini dando quasi l’impressione di potervisi immergere, come Seguendo la cavalcata dei Magi o Meraviglie del Rinascimento, dedicate rispettivamente al celebre ciclo di affreschi realizzato da Benozzo Gozzoli in Palazzo Medici Riccardi e a quello che decora la Cappella Brancacci, opera di Masaccio e Masolino da Panicale.

Le classi potranno passeggiare idealmente nel centro storico di Firenze (Patrimonio dell’Umanità riconosciuto dall’UNESCO) leggendo le tracce del tempo se sceglieranno i percorsi dal titolo Alla scoperta della Firenze romana – medievale – medicea; e avranno persino l’opportunità di dialogare con personaggi del passato come l’artista Giorgio Vasari o la Duchessa Eleonora di Toledo, che per il tempo di un’ora faranno un salto nel futuro, piombando nella nostra epoca.

Alcuni dei percorsi proposti a distanza, su richiesta delle classi, potranno essere svolti direttamente in aula. Fra le attività in sede si segnala Outdoor, grazie a cui le opere d’arte del Museo Novecento approdano a scuola, con tanto di trasporto specializzato, per offrire un incontro ravvicinato e unico con l’opera d’arte.

Come prenotarsi e come vedere i progetti

Le attività digitali, aperte a tutte le classi del territorio fiorentino e nazionale, sono fruibili gratuitamente sia a scuola, tramite LIM o video proiezione, oltre che su piattaforma del museo, sia a casa, tramite i dispositivi individuali; hanno una durata di 50’ e si svolgono in dialogo diretto con i mediatori MUS.E.
I posti sono limitati, è pertanto obbligatorio prenotarsi scrivendo a didattica@muse.comune.fi.it o telefonando al numero 055 2616788.

Qualora si scelga di utilizzare la piattaforma del museo, all’atto della prenotazione saranno fornite tutte le indicazioni tecniche per il collegamento.

In linea con un principio di multidisciplinarietà e con l’innovativo metodo CLIL (Content and Language Integrated Learning), le attività saranno eventualmente fruibili anche in lingua straniera (inglese, francese, spagnolo, tedesco), condotte da mediatori madrelingua.

Questo programma digitale si aggiunge alle attività, i percorsi e i laboratori in presenza, al momento sospesi ma che restano a disposizione delle classi quando sarà nuovamente possibile, per maggiori informazioni sui progetti è possibile visitare il sito "Chiavidellacittà".

Il progetto è possibile grazie al sostegno di GIOTTO – love brand di F.I.L.A. Fabbrica Italiana Lapis ed Affini, Mukki, Officina Profumo Farmaceutica Santa Maria Novella, Unicoop Firenze e Tenderly, brand di Lucart Spa.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I musei di Firenze online per scuole e studenti

FirenzeToday è in caricamento