Martedì, 28 Settembre 2021
Scuola Greve in Chianti

Greve in Chianti: a scuola arriva la borsa termica antispreco

La Good Food Bag, la borsa termica che educa al consumo consapevole

Mangiare bene a scuola evitando gli sprechi. Il Comune di Greve in Chianti ha lanciato una nuova iniziativa rivolta alle famiglie che promuove la cultura del consumo consapevole contro gli sprechi alimentari attraverso la consegna ai piccoli allievi delle scuole dell’infanzia del sacchetto Good Food Bag. Una borsetta termica in plastica lavabile, riutilizzabile e riciclabile, adatta a contenere pane, prodotti da forno, frutta non sbucciata, merendine, snack e budini. E’ l’accessorio che consentirà agli studenti delle scuole dell’infanzia dell’Istituto comprensivo di Greve in Chianti di portare a casa ciò che resta per il recupero del cibo, di alimenti non consumati che possono avanzare nei refettori scolastici.

“L’iniziativa sensibilizza i più piccoli al valore del cibo - spiegano le assessore Maria Grazia Esposito e Simona Forzoni e consente loro di portare via ciò che non riescono a consumare a mensa, mangiandolo poi a casa con la propria famiglia”. Il progetto, frutto della collaborazione tra gli assessorati alle Politiche educative e Ambiente, è stato elaborato dal Comune, in collaborazione con la dirigenza scolastica dell’Istituto comprensivo per contrastare uno dei fenomeni più diffusi in Italia che si verifica per le grandi quantità di cibo. La consegna avverrà nei giorni precedenti la Giornata mondiale dell’Ambiente, prevista il 5 giugno.

“La Good Food Bag – continuano – è una proposta che abbiamo deciso di adottare per arginare lo spreco di cibo nelle scuole e trasmettere un messaggio ai più piccoli nel segno della cultura sostenibile, non gettare nella spazzatura ciò che avanza quando si mangia è un gesto necessario che rispetta l’ambiente e non lo inquina, un comportamento virtuoso che può entrare a far parte di uno stile di vita slow, in linea con la vocazione del nostro territorio”.  

L’intenzione è anche quella di invitare la comunità e soprattutto i più giovani a proporre idee e progetti che promuovano azioni e campagne educative volte al risparmio per l’abbattimento dei consumi energetici ed alimentari. “Vorremmo creare una vera e propria community – concludono le assessore – con l’obiettivo di ridurre la quantità di alimenti sprecati e diffondere l’importanza di riciclare gli avanzi, avendo la consapevolezza che un alimento sprecato è pagato due volte, uno per l’acquisto, l’altro per lo smaltimento del rifiuto”.  Le proposte incentrate sul tema dell’abbattimento dei consumi possono essere inviate contattando gli uffici agli indirizzi mail: ambiente@comune.greve-in-chianti.fi.it e scuola@comune.greve-in-chianti.fi.it.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Greve in Chianti: a scuola arriva la borsa termica antispreco

FirenzeToday è in caricamento