Banchi e armadietti per gli zaini: gli acquisti del comune di Scandicci

Sulla consegna dei banchi richiesti al Miur non si hanno notizie certe sulla data di consegna

Il comune di Scandicci ha comprato, per l'inizio dell'anno scolastico, banchi e armadietti per gli alunni. 195 banchi sono già stati consegnati alla scuola primaria Pertini di San Giusto - questo plesso era il più urgente, al punto che la mancata fornitura avrebbe potuto pregiudicare il regolare inizio dell’anno scolastico nel rispetto delle disposizioni anticovid -, nei prossimi giorni ne arriveranno altri 96 per la scuola Marconi e XXV Aprile.

Per quanto riguarda i banchi richiesti al Miur - aggiungono dal Comune - le date di consegna non sono ancora state comunicate, in ogni caso le dirigenze scolastiche hanno predisposto piani per ogni scuola che garantiscono la regolare ripartenza nel rispetto delle norme anticovid.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Oltre ai banchi per le primarie Pertini, Marconi e XXV Aprile, il Comune ha anche provveduto all’acquisto degli armadietti per ogni alunno, per evitare di poggiare a terra i propri zaini: alle primarie andranno cubi contenitori aperti, mentre alle medie ogni scomparto sarà sottochiave e riservato ad ogni studente: in entrambi i casi la consegna e il montaggio degli armadietti è previsto per la metà del mese di ottobre.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FirenzeToday è in caricamento