Domenica, 17 Ottobre 2021
Formazione San Casciano in Val di Pesa

Rimborsi per le famiglie che non hanno usufruito dei servizi scolastici

L’assessore alle Politiche educative Elisabetta Masti: “l’aiuto concreto di cui in questo momento necessitano le famiglie è determinato dall’obiettivo di contenere le ripercussioni negative della pandemia nel nostro tessuto sociale ed economico”

Il Comune di San Casciano adotta misure di sostegno economico mirate a dare un aiuto concreto alla comunità locale. La giunta Ciappi ha stabilito di posticipare l’importo relativo al trasporto scolastico previsto originariamente entro dicembre (seconda rata) a febbraio 2021 e rimborsare alle famiglie i servizi scolastici non fruiti a causa dell'interruzione delle attività didattiche relative al periodo di sospensione dei servizi di mensa e trasporto scolastici, entrata anticipata e nido. L’ufficio comunale ha trasferito gli importi da rimborsare su altri interventi per l'anno scolastico 2019-2020 in caso di servizi ancora da saldare o dell'anno scolastico 2020-2021 decurtando dalle tariffe intere la somma da rimborsare dell'alunno o dei fratelli. In altri casi ha proceduto con un rimborso sul conto corrente indicato dai titolari del credito o direttamente presso la Tesoreria Comunale. Le somme rimborsate relative a tutto il periodo marzo-giugno 2020 saranno disponibili entro il mese di dicembre unitamente al contributo pacchetto scuola 2020 destinato, nel caso di San Casciano, a 175 famiglie, aventi i requisiti necessari.

Il “Pacchetto Scuola” è un incentivo economico individuale, finanziato dalla Regione Toscana per studenti a basso reddito, finalizzato a sostenere le spese necessarie per la frequenza scolastica come libri, materiale didattico e servizi scolastici. Per quanto riguarda San Casciano l’importo del pacchetto scuola destinato alle famiglie con minor capacità economica, che non superano i 15.748,78 euro di Isee, permette un contributo massimo fissato in 300 euro a studente (scuole secondarie di primo e secondo grado). “Gli interventi messi in atto sono delle vere e proprie misure di sostegno economico - dichiara l’assessore alle Politiche educative Elisabetta Masti – l’aiuto concreto dei rimborsi relativi allo scorso lockdown di cui in questo momento necessitano le famiglie che si trovano in situazione di vulnerabilità economica è determinato dall’obiettivo di contenere le ripercussioni negative della pandemia nel nostro tessuto sociale ed economico”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rimborsi per le famiglie che non hanno usufruito dei servizi scolastici

FirenzeToday è in caricamento