Greve in Chianti e San Casciano, rette degli asili e servizi scolastici scontati

La decisione interessa le famiglie dei bambini che sono stati assenti più di 14 giorni

Foto di repertolio ©Ansa

I Comuni di Greve in Chianti e San Casciano adottano nuove misure a sostegno delle famiglie nel difficile contesto dell’emergenza sanitaria da Covid-19, aggravata dagli effetti inevitabili della crisi economica. Le amministrazioni comunali hanno deciso di non applicare o ridurre il pagamento delle rette dei nidi e dei servizi scolastici per i bambini che si sono assentati a causa dei provvedimenti di isolamento o quarantena per casi di positività al Covid. La giunta Sottani ha deciso di decurtare i giorni di assenza per isolamento o quarantena da Covid, rispetto a quanto dovuto per i servizi individuali erogati agli studenti dell’Istituto comprensivo Giovanni da Verrazzano.

“I giorni di assenza, necessari e connessi ad una situazione straordinaria di pandemia mondiale - dichiara l’assessore alle Politiche educative di Greve in Chianti Maria Grazia Esposito - non possono certo equipararsi ad un periodo di ordinaria malattia. Pur consapevoli del fatto che questo provvedimento potrebbe incidere sulla percentuale delle somme in entrata del bilancio comunale, crediamo che sia una misura giusta e di forte vicinanza ai nostri cittadini”. La decurtazione viene applicata quando la quarantena è derivata da contatto in seno al nucleo familiare.

Per la giunta Ciappi la decisione è quella di decurtare del 20 per cento le rette dei nidi comunali per i bambini iscritti alle strutture comunali legati a casi di isolamento o quarantena e di estendere la misura a tutti i bambini il cui periodo di assenza, per malattie non legate solo all’emergenza sanitaria, è pari o superiore ai 14 giorni. Ad illustrare il provvedimento l’assessore alle Politiche educative Elisabetta Masti. “Le nostre misure sono due – conclude l’assessore – la prima è relativa alle assenze uguali e superiori a 14 giorni, con un taglio sul pagamento della retta del 20%, l’altra è inerente alla sospensione delle attività educative per le misure di quarantena della Asl applicate a tutto il gruppo sezione attraverso la non applicazione della retta per il periodo di chiusura”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Calendario 2021: i giorni delle festività

  • Scuola, più autobus e una campagna di monitoraggio e screening Covid

  • Tirocini e praticantati sospesi, nuovo bando per contributi anche per over 29

  • Ritorno a scuola: Scandicci si prepara con il "Back to school con attenzione"

  • Agricoltori del futuro: la scuola triennale finanziata con 270mila euro

Torna su
FirenzeToday è in caricamento