"Gli Orbi", lo spettacolo al teatro delle Arti

"Orbi perché non ci vediamo più. Mancanti, assenti, privi. Orbi di pace, di onore e “di tanto spiro” di manzoniana memoria". 

“Gli Orbi” che Michele Abbondanza e Antonella Bertoni – storico e pluripremiato sodalizio della danza italiana – portano venerdì 27 gennaio al Teatro delle Arti di Lastra a Signa a pochi mesi dallo straordinario debutto, sono maschere acustiche e fisiche impastate di un’umanità che trasuda amore e tenerezza. Umanità che passa il testimone del vizio fino a diventare caricatura del dolore e del piacere. 

Esseri ciechi che irridono, smorfieggiano, danzano, aspettano il loro turno e si alternano nella fame di relazione. Così impudichi, sfacciati e s-corpati da esporsi pubblicamente alla gogna della vergogna di chi non vede con gli occhi e con il cuore.
 
Parlar male degli uomini (homo sapiens) si fa presto, soprattutto di questi tempi di homo hominis lupus, ma mettere in scena questo senso di fragilità dell'umano, indagare agendo i suoi vizi e debolezze, insomma passare all'azione e rendere per immagini dando forma a queste male-parole, è altra cosa. 

Sulle spalle di cinque personaggi – in scena, oltre a Antonella Bertoni e Michele Abbondanza, Eleonora Chiocchini, Tommaso Monza e Massimo Trombetta - l’infame carico della rappresentanza dell’umanoide contemporaneo. Figure che potranno ingigantire o sparire, dall’umano al disumano, caricature portatrici di volta in volta di un malessere infettivo che trova però nella sua semplice esposizione e visibilità, la nemesi necessaria alla sua redenzione.

Bendati da scotch, deformati da elastici, imparruccati e travestiti, abbiamo stretto più forte le nostre mani girotondine e sentito lo strappo di chi se ne andava in solitudine verso la sua personalissima (e liberatoria?) perdizione. 

Vagando a tentoni senza troppo capire, siamo andati a sbattere tra gli Scilla e Cariddi del nostro mare tempestoso, disperatamente sempre cercandoci; attraversando con incoscienza e spudoratezza i narcisistici vizi moderni e, senza il dono e il pregio dell'esaustività, anche quelli, di lussuria vestiti, irosi biblici d'archetipiche accidie e invidie. Da orbi. Come la fame, la rabbia e le botte da orbi. Come nel detto: ‘non vederci più dalla sete, non vederci più dal piangere, dal ridere’.  

Allora la cecità come metafora estrema ed iniziale di un'impossibilità dello spirito, di un'inaccessibilità dell'anima ad una condizione di purezza così lontana dall’umano; e così i nostri personaggi, così piccoli e così forse più vicini con le loro piccole disumanità, alla ‘vera umanità’, alla vera condizione umana di vetta e di abisso; con la loro orbatura dell'animo bagolanti e vagolanti verso potenziali nuove visioni, verso un nuovo impero dei sensi fatto d'olfatto, atto al tatto; udito e ingoiato infine dalla loro ingordigia di fragili e umanissime creature”.

Spettacolo nell’ambito della rassegna RESI_DANCE a cura della Compagnia Simona Bucci, in collaborazione con Teatro Popolare d’Arte.

APERITIVO TEATRALE - Per chi lo desidera, venerdì 27 gennaio dalle 20, c’è l’aperitivo teatrale, in collaborazione con Caffè La Posta (buffet e drink 6 euro, graditissima la prenotazione, tel. 055 8720058 - 331 9002510).

MASTERCLASS CON ABBONDANZA/BERTONI - Sabato 28 gennaio, dalle ore 12 alle 16, presso la Scuola Comunale Danza  (via Togliatti 37, Lastra a Signa), la Compagnia Abbondanza/Bertoni condurrà una masterclass rivolta a danzatori, attori e performer. Insegnare: far passare dei segni, da corpo a corpo. Un modo di fare scuola strettamente legato al palcoscenico, finalizzato alla "presenza scenica" attraverso la pratica dell'intelligenza somatica per cui il sapere possa diventare il "saper fare" del corpo-cuore del danzatore-attore. “Ci soffermeremo sugli aspetti tecnici e improvvisativi del movimento danzato e del gesto; per uno sviluppo della creatività attraverso la propria unica e originale forma”. Masterclass + spettacolo 45 euro. Info tel. 055.697823 - 340.1369666 - compagniasimonabucci@gmail.com - www.compagniasimonabucci.it.

Biglietti
Intero 15 euro, ridotto 13 euro (over 65, under 26, soci Coop, soci BCC, soci Biblioteca Comunale e Amici del Museo Caruso), ridotto 10 (under 21)

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Teatri, potrebbe interessarti

I più visti

  • Van Gogh e i maledetti, la mostra torna a Firenze

    • dal 1 agosto 2020 al 5 aprile 2021
    • Chiesa Santo Stefano al Ponte
  • Sagra delle frittelle

    • dal 20 febbraio al 28 marzo 2021
  • Firenze Insolita: le passeggiate teatrali alla scoperta della storia della città

    • Gratis
    • dal 22 gennaio al 28 febbraio 2021
    • Piazza della Repubblica
  • Raffaello a Firenze, la mostra a Palazzo Vecchio

    • dal 31 ottobre 2020 al 10 marzo 2021
    • Palazzo Vecchio Sala d'Arme
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    FirenzeToday è in caricamento