Eventi

Racconti vegetali, capitolo secondo: Viaggio in Italia - mix bistrò incontra Stefano Callegari

Martedì 5 ottobre alle 20,30 il locale ospiterà un’esclusiva cena a quattro mani, protagonisti il vulcanico lievitista Stefano Callegari da Roma e la sestese doc Giulia Chemeri.

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di FirenzeToday

Capitolo 2: VIAGGIO IN ITALIA Martedì 5 ottobre, 20.30 Mix Bistrò dal 2013 propone una cucina vegetale - vegetariana e vegana- a Sesto Fiorentino. Martedì 5 ottobre alle 20,30 il locale ospiterà un’esclusiva cena a quattro mani, protagonisti il vulcanico lievitista Stefano Callegari da Roma e la sestese doc Giulia Chemeri. Una serata che sarà un viaggi-omaggio che toccherà le molteplici tradizioni culinarie regionali che il mondo ci invidia. Un percorso su e giù per lo stivale, senza regole, giocoso ma serissimo come solo la cucina d’autore sa essere. L’ospite: Stefano Callegari Uno dei più noti e autorevoli ambasciatori del mondo gastronomico romano e non solo, Callegari è stato uno dei precursori della svolta di qualità della pizza in Italia, iniziata e portata avanti nel suo ormai storico Sforno. Un esempio fra tutti la pizza Cacio e pepe, con aggiunta in cottura del ghiaccio per mantenere umida la superficie e consegnare una crema di formaggio perfetta all’assaggio. Inventore del celeberrimo Trapizzino - il triangolo di pasta lievitata di pizza ripieno delle più squisite ricette della tradizione regionale italiana - Callegari ha da pochi giorni aperto un nuovo locale nella capitale, Romanè, dove si cimenterà ai fornelli giocando con la tradizione della gastronomia laziale e italiana e riportando nella sua cucina le esperienze lavorative maturate all’estero. I padroni di casa: Mix Bistrò e Giulia Chemeri Giulia Chemeri e Daniele Bartolozzi sono l’anima e i volti Mix Bistrò, in cucina e in sala. La scelta di fare di Mix un ristorante a proposta esclusivamente vegetariana è del 2013, quando Giulia ha deciso di mettere da parte la carriera da attrice e gli studi all’Accademia di arte drammatica per dedicarsi a tempo pieno alla cucina. Alla base dei racconti vegetali di Giulia c’è la centralità della materia prima - di alta qualità, locale, rigorosamente di stagione - trattata con rispetto e cura, resa protagonista assoluta dei piatti. Una cucina giovane e in fermento dietro a cui c’è un percorso di studio, di avvicinamento, di conoscenza di nuovi elementi, di tecniche e processi di trasformazione. Non ultima la volontà di essere sostenibili, portando avanti scelte gastronomiche che contemplano un impatto ambientale assai ridotto e zero scarto alimentare. Menu: L'Ovo in Trippa Frittata tagliata come la Trippa e immersa nel sugo MurgeInverse Polpette di fave aromatizzate all'italiana su crema di cicoria Picio all'Elorina Erbe, piante e spezie siciliane, pomodorini esplosi di Pachino, mandorle di Avola Bordatino Fermentato Polenta di zolfini e julienne di cavolo nero fermentato Torta di ceci e fichi Cecina con mousse di ricotta, Fichi e frutti autunnali ZUPPA inglese in Verticale € 40 per persona E per i vini? Bag in box: lo sfuso di qualità, €2 al calice Abbinamento MIX: 6 vini = €20 A scelta dalla Carta dei Vini di MIX

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Racconti vegetali, capitolo secondo: Viaggio in Italia - mix bistrò incontra Stefano Callegari

FirenzeToday è in caricamento