rotate-mobile
Lunedì, 6 Febbraio 2023
Eventi

Misericordia di Firenze: il 20 gennaio le celebrazioni per il patrono San Sebastiano

Dopo due anni torna la distribuzione dei panellini benedetti

Nella sede di piazza Duomo e nelle sezioni dell’Arciconfraternita - Sezione di Campo di Marte, Sezione Nord, Sezione di Ponte di Mezzo e Sezione Oltrarno – venerdì 20 gennaio saranno distribuiti ai fiorentini 15 quintali di panellini benedetti, simbolo di fede, di amore verso il prossimo e di vicinanza alla città. I panellini saranno consegnati come da tradizione anche a istituti religiosi, associazioni, residenze per anziani, ospedali, scuole e Misericordie Consorelle e, per la prima volta, anche alla mensa della Caritas di piazza della Santissima Annunziata.

Questa tradizione - interrotta solo nel 2021 e nel 2022 a causa della Pandemia da Covid-19 - risale al 1581 quando furono stanziati fondi “per 150 picce di panellini a Simone fornaio del campanile”, per distribuirli in segno di carità ai bisognosi e ai sofferenti.

Alle 9:30 nell’Oratorio dell’Arciconfraternita in piazza Duomo sarà celebrata la Santa Messa da S. Em.za Cardinale Giuseppe Betori davanti ai tanti fiorentini e alle autorità che come tutti gli anni parteciperanno alle celebrazioni del patrono della Misericordia di Firenze.

Nel corso della giornata il Museo della Misericordia sarà aperto gratuitamente ai visitatori dalle 11 alle 16.

“Gli ultimi anni sono stati molto impegnativi e di grande sofferenza per molti dei nostri concittadini – dice Nicolò d’Afflitto, Provveditore della Misericordia di Firenze – L’emergenza sanitaria mai conclusa, la guerra nel cuore dell’Europa e le conseguenti crisi energetica e economica hanno messo a dura prova tutti. Nonostante i tempi estremamente precari abbiamo la consapevolezza di avere fatto, grazie ai Fratelli e alle Sorelle che quotidianamente svolgono i servizi di Carità, quanto in nostro potere per alleviare le sofferenze delle persone maggiormente in difficoltà. Rivolgo un pensiero particolare a chi soffre, agli assistiti dal nostro Aiuto Alimentare, agli ospiti delle nostre residenze per anziani e disabili e a tutti i volontari e dipendenti della Misericordia di Firenze”.

Viste le difficoltà economiche in atto, i Capi di Guardia Festaioli di quest’anno, ossia coloro che – come stabilito dagli Statuti del 1575 – sono chiamati a provvedere alla festa del Santo Patrono e che è tradizione che offrano un dono ai Confratelli, hanno scelto di aderire al progetto  della Misericordia di Firenze Adotta una bolletta destinando il denaro per il dono al pagamento delle utenze di persone in difficoltà, come spiegato su un segnalibro che è stato consegnato in ricordo della festa patronale 2023.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Misericordia di Firenze: il 20 gennaio le celebrazioni per il patrono San Sebastiano

FirenzeToday è in caricamento