Giornata internazionale della poesia. Alcune proposte del Cnddu per gli studenti di Firenze

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di FirenzeToday

Il Coordinamento nazionale docenti della disciplina dei diritti umani in occasione del 21 marzo, Giornata mondiale della poesia, istituita dalla XXX Sessione della Conferenza Generale UNESCO nel 1999, intende riaffermare il valore intrinseco, estetico, culturale, antropologico della più profonda espressione dello spirito umano: il verso. La poesia è celebrazione di eventi, manifestazione individuale o collettiva di sentimenti, bisogni, speranze; è la più “superflua” delle forme culturali, eppure quella più necessaria per alimentare l’animo degli uomini. La poesia non serve in una realtà tecnocratica e digitale? Al contrario è il lievito di tutto ciò che abbia un contenuto alto, nobile, critico, sdegnato, visionario. La vera poesia non ha padroni. Forse per questo ha più difficoltà a sussistere nella nostra società liquida e materialista. Eppure ®esisterà sempre. Malgrado noi. Il CNDDU invita ogni studente di Firenze a celebrare la giornata contraddistinguendo ogni proprio profilo social con versi di un poeta a scelta, che in qualche modo percepiscono più vicino al loro sentire. L’hashtag della giornata è #fermentopoetico. In tale occasione, ricordiamo che quest’anno ricorrono i cinquant’anni dalla scomparsa di Giuseppe Ungaretti, il poeta del nostro Novecento che affascina ancora molto i giovani per lo sperimentalismo formale e la verità dei contenuti umani proposti. “Gentile / Ettore Serra / poesia / è il mondo l'umanità/ la propria vita /fioriti dalla parola / la limpida meraviglia /di un delirante fermento / Quando trovo/ in questo mio silenzio /una parola / scavata è nella mia vita / come un abisso.” (Ungaretti, Commiato) Prof. Romano Pesavento Presidente CNDDU

Torna su
FirenzeToday è in caricamento