Scandicci, open day dell'Alta scuola di pelletteria italiana

Scandicci, open day dell'Alta scuola di pelletteria italiana

Dieci anni di attività per l'Alta scuola di pelletteria italiana a Scandicci, che festeggia quest’anno il proprio decennale, tra tradizione ed high tech, con un open day di due giorni in programma martedì 24 e mercoledì 25 novembre. 

Nella sede in Viuzzo del Piscetto 6/8 a Scandicci l’Open Day si articola nelle due date: il 24 novembre dalle 10 alle 18.00 la visita è riservata alle aziende del comparto e agli addetti ai lavori mentre il 25 novembre con lo stesso orario la scuola è aperta a tutti gli interessati.

"Un open day dedicato a un pubblico di giovani, alle aziende del settore, agli interlocutori del comparto fashion, moda e lusso, alle istituzioni - spiegano gli organizzatori - ed in generale a chiunque sia interessato a conoscere da vicino la sua realtà di scuola di eccellenza e polo di riferimento nazionale per la formazione tecnico-professionale e la specializzazione in pelletteria". 

Durante le due giornate dell'open day è possibile visitare la struttura, assistere ai laboratori, informarsi su tutte le opportunità e le sinergie attivabili tra la scuole e le aziende (quali stage aziendali per studenti formati e specializzati, borse di studio, percorsi formativi su misura per i propri dipendenti), approfondire i servizi offerti per le imprese e per gli studenti, incontrare i docenti che presenteranno i contenuti dei vari corsi o informarsi con il personale a disposizione per illustrare la scuola nel dettaglio. 

La scuola nasce nel 2005 da un progetto dell’Associazione San Colombano per garantire un’alta formazione in pelletteria proprio nel cuore della provincia fiorentina in cui viene prodotto il 60% del fatturato mondiale della pelletteria di lusso e dove le aziende sono alla ricerca continua di personale altamente qualificato. Diretta da sempre da Laura Chini e con l’attuale presidenza di Karlheinz Hofer, oggi ha per soci i Comuni di Bagno a Ripoli (FI), Pontassieve (FI) e Scandicci (FI), Confindustria Firenze, a cui si aggiungono Bmb di Gianfranco Lotti, Céline, Gucci e Prada. 

L’alta scuola di pelletteria italiana, ormai da dieci anni, forma e specializza tecnici pellettieri attraverso l’ampia offerta formativa: nelle due sedi di Scandicci e Pontassieve i corsi spaziano da quelli di base a quelli di specializzazione fino ad arrivare a quelli pensati su misura per i dipendenti delle aziende del comparto.

L’obiettivo comune è dare la possibilità a chiunque frequenti la scuola di poter entrare nel settore come tecnico specializzato, e di fornire a chi già lavora gli aggiornamenti che servono per rendere le aziende più competitive. 

L’attività di formazione presenta varie opportunità che vanno dai corsi finanziati con il Fondo Sociale Europeo a quelli finanziati con le borse di studio, dalle aziende che chiedono un aggiornamento su misura per i propri dipendenti alle agenzie interinali che collaborano con la scuola e, grazie a tutto ciò, si raggiungono circa 400 corsisti che ogni anno frequentano le due sedi della scuola. Interessanti anche i dati occupazionali di Aspi: nel 2012 il livello di occupazione è stato del 100%, sceso poi mediamente di un 30%, riduzione significativa dovuta alla contrazione generale.

Per informazioni e per confermare la propria presenza scrivere all'indirizzo segreteria@altascuolapelletteria.it oppure chiamare il numero 055-756039.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Fiere, potrebbe interessarti

I più visti

  • Libri e fiori in piazza dei Ciompi: gli appuntamenti del 2020

    • dal 25 gennaio al 27 dicembre 2020
    • piazza ciompi
  • Van Gogh e i maledetti, la mostra torna a Firenze

    • dal 1 agosto al 8 dicembre 2020
    • Chiesa Santo Stefano al Ponte
  • Kevin Francis Gray, la mostra a Firenze

    • dal 2 giugno al 21 dicembre 2020
    • Museo Stefano Bardini
  • "Farulli 100": cento concerti nel centenario della nascita del grande violinista

    • dal 1 gennaio al 31 dicembre 2020
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    FirenzeToday è in caricamento