rotate-mobile
Martedì, 25 Gennaio 2022
Eventi

David di Donatello senza ospiti e pubblico, Carlo Conti: “Sarà una serata non da criticare ma da apprezzare”

La cerimonia di consegna dei premi cinematografici andrà in onda su Rai Uno in una versione straordinaria a causa dell’emergenza coronavirus

Sarà un’edizione storica la numero 65 dei Premi David di Donatello che si terrà oggi in diretta su Rai1. "Spero che siano anche uno stimolo per l'intera macchina del cinema che possa ripartire presto”, si augura di Carlo Conti che la condurrà da solo in studio in una versione inedita a causa del coronavirus. I candidati alla vittoria, infatti, saranno in collegamento da casa e le statuette saranno consegnate soltanto in modo virtuale.

"Il vincitore non riceverà materialmente la statuetta, non possiamo certo portarne una a casa di ogni candidato e poi andare a riprendercela” - racconta Conti in un'intervista a 'La Stampa' -  “Sarà una serata non da criticare ma da apprezzare perché solo così possiamo premiare il nostro cinema italiano e non buttare via un anno importante".

David di Donatello: come si svolgerà la cerimonia

Quanto allo svolgimento della serata, Carlo Conti spiega che "per gran parte delle cinquine avremo i candidati in collegamento, dopo aver visto la clip aprirò la busta e il vincitore avrà la parola per il suo discorso. Mi rendo conto che non ci sarà l'artista sul palco carico di emozione davanti alla platea. Sarà un'altra cosa". Dal punto di vista tecnico la serata sarà complessa: "Per ogni categoria avremo cinque collegamenti", dice il conduttore: "D'ora in poi tutto sarà un'altra cosa, non può essere altrimenti. Vale per tutti me compreso, tutto quello che faremo in tv non può essere uguale a prima".

David di Donatello: tutte le nomination

Il film in lizza per ricevere nella 65esima edizione i premi più prestigiosi del nostro cinema sono ‘Il traditore' di Marco Bellocchio incetta di candidature con 18 nomination, comprese quelle per miglior film e miglior regia. Seguono 'Il Primo Re' di Matteo Rovere e 'Pinocchio' di Matteo Garrone, entrambi con 15 candidature, poi 'Martin Eden' di Pietro Marcello con 11, '5 è il numero perfetto' di Igort con 9 e 'Suspiria' di Luca Guadagnino con 6. 


 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

David di Donatello senza ospiti e pubblico, Carlo Conti: “Sarà una serata non da criticare ma da apprezzare”

FirenzeToday è in caricamento