Gli arazzi di Caterina de’ Medici hanno esordito con successo alla mostra di Cleveland

Restaurati grazie alla donazione di Veronica Atkins, saranno in mostra al Cleveland Museum of Art fino a gennaio

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di FirenzeToday

Grande successo a Cleveland (USA) per la preview della mostra Renaissance Splendor: Catherine de’ Medici’s Valois Tapestries, che aprirà al pubblico dal 18 novembre fino al 21 gennaio. I sei arazzi delle Gallerie degli Uffizi esposti a Cleveland sono tornati a splendere grazie al restauro iniziato nel 2015 finanziato da Veronica Atkins, che per mezzo dei Friends of the Uffizi Gallery ha donato 500mila euro alle Gallerie. All’inaugurazione dell’esposizione oltreoceano, oltre al Direttore e Presidente del Cleveland Museum of Art, William M. Griswold, erano presenti il Direttore delle Gallerie degli Uffizi, Eike Schmidt e la Presidente dell’associazione Friends of the Uffizi Gallery, Maria Vittoria Colonna Rimbotti. "Vedere i sei stupendi arazzi restaurati della serie Valois di Caterina de' Medici in un allestimento davvero spettacolare a Cleveland è emozionante, e ci dà un'idea quanto il futuro Museo degli Arazzi a Palazzo Pitti potrà diventare attrattore per il pubblico, oltreché punto di riferimento per gli studiosi - ha dichiarato Eike Schmidt -. Siamo gratissimi ai Friends of the Uffizi, e in particolare a Veronica Atkins, di aver restituito al mondo queste opere enormi, in grado di rievocare le festività della corte reale francese in maniera avvolgente e immersiva". “Con la mostra Renaissance Splendor il pubblico americano può finalmente ammirare dal vivo i frutti dati dalle donazioni della mecenate Veronica Atkins, socia dei Friends of the Uffizi Gallery, esempio più emblematico e virtuoso del vero mecenatismo, nato da noi nel Rinascimento, ma molto più sentito negli Usa, dove la lunga pratica della defiscalizzazione ha svolto una funzione educativa e di sensibilizzazione - ha detto Maria Vittoria Colonna Rimbotti -. Il restauro degli arazzi appartenenti alla serie Feste dei Valois è stata un’opera molto complessa e costosa (circa 400.000 dollari solo per i primi quattro arazzi, degli otto che compongono l'intera collezione), data la delicatezza e la grandezza degli arazzi stessi. Sarà una gioia poterli vedere tutti insieme nel Museo degli Arazzi di Palazzo Pitti prossimo all'apertura".

Torna su
FirenzeToday è in caricamento