rotate-mobile
Economia

Toscana Aeroporti: 7 milioni di euro di dividendi distribuiti tra i soci, rabbia di sindacati e opposizioni

L'assemblea dei soci della società che gestisce gli scali di Firenze e Pisa vota sì al contestato provvedimento, Regione e Comune di Firenze si astengono

Il voto di ieri dell'assemblea dei soci di Toscana Aeroporti non ha riservato sorprese: la maggioranza ha votato sì alla distribuzione di 7 milioni di euro di dividendi tra i soci che compongono la società che gestisce gli scali aeroportuali di Firenze e Pisa. Ha votato sì Corporation America del magnate argentino Eduardo Eurnekian, che da sola possiede il 62% delle quote. Favorevoli anche Sogim e Camera di Commercio di Pisa, mentre hanno votato no il Comune e la Provincia di Pisa.

Si sono astenuti la Regione, il Comune e la Camera di Commercio di Firenze. E proprio per il voto di astensione il presidente Eugenio Giani è stato duramente criticato dai sindacati, che hanno ricordato come lo scorso anno Toscana Aeroporti abbia ricevuto 10 milioni di fondi pubblici di aiuti.

I sindacati: "La Regione doveva votare contro"

I sindacati in special modo chiedevano che la cifra fosse spesa per investimento sul lavoro e sulla tutela occupazionale. “Chiediamo alla Regione il voto contrario, per il rispetto dovuto alle migliaia di lavoratori dei due siti aereoportuali e dei cittadini toscani. Chiediamo anche che la Regione si faccia promotrice di un approfondimento legale per verificare la fattibilità del recupero della somma in questione (i 10 milioni ricevuti lo scorso anno, ndr) per poi destinarla a vantaggio dei lavoratori ancora così fortemente in difficoltà e per le future assunzioni di giovani”, chiedevano i sindacati Cgil, Cisl e Uil prima del voto.

Fratoianni: "Decisione indegna"

Per il leader di Sinistra Italiana Nicola Fratoianni si è trattato di una decisione indegna. “Toscana Aeroporti per il lockdown ha ottenuto come ristoro dalla Regione 10 milioni di euro. Ora distribuiscono un dividendo di 7 milioni di euro fra i soci. Una decisione, di questi tempi, socialmente indegna ed immotivata. Quelle risorse andrebbero indirizzate verso gli investimenti invece di fare regalie ai soliti noti”, le parole di Fratoianni.

Torselli: "Giani doveva ribaltare il tavolo"

“Ma quale astensione. Il presidente Giani avrebbe dovuto presentarsi all’assemblea di Toscana Aeroporti e ribaltare il tavolo esprimendo voto contrario alla distribuzione del dividendo. La Regione ha dato 10 milioni di euro alla società che poi ha fatto 7 milioni di euro di utili nello stesso anno. Con 10 milioni la Regione avrebbe aiutato centinaia di aziende e artigiani in difficoltà a causa della crisi”, attacca anche Francesco Torselli, capogruppo di Fratelli d'Italia in Regione.

La replica di Giani

I 10 milioni dati dalla Regione a TA sono “il contributo ben motivato che è stato offerto alla società in relazione all'emergenza Covid. TA rendiconterà, se non lo farà in modo corretto subirà le sanzioni che sono previste per tutto questo", replica Giani. Quanto alla decisione di astenersi e di non andare allo scontro, è stata presa anche perché ha spiegato Giani, “abbiamo un soggetto che nel piano su cui votiamo a favore prevede 400 milioni di investimenti sul futuro”.

La replica di Toscana Aeroporti

"Non accettiamo lezioni di morale, né accuse di essere irrispettosi verso i nostri lavoratori perché abbiamo messo al primo posto la tutela dei lavoratori", replica Roberto Naldi, amministratore delegato di TA. Quanto al ristoro da 10 milioni, aggiunge Naldi, “lo abbiamo usato per mantenere attività fondamentali: presidio sanitario, igienizzazione, vigilanza. Abbiamo garantito la continuità dei servizi e i livelli occupazioni diretti e indiretti”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Toscana Aeroporti: 7 milioni di euro di dividendi distribuiti tra i soci, rabbia di sindacati e opposizioni

FirenzeToday è in caricamento