Venerdì, 17 Settembre 2021
Economia

La Regione in aiuto di Toscana Aeroporti, sì ai 10 milioni di fondi pubblici: "Mantenere stessa occupazione per un anno"

La società nei mesi scorsi ha annunciato la vendita del ramo d'azienda per i servizi a terra, che impiega 450 lavoratori

Mano tesa a Toscana Aeroporti per i danni subiti l’anno scorso, tra marzo e giugno 2020, per via dello stop ai voli e ai viaggi dovuti al lockdown e all’emergenza sanitaria.

A fine luglio 2021 la giunta regionale, in attuazione della legge toscana che aveva stanziato le somme, ha approvato l’ultima delibera e adesso è pronto anche il decreto allestito dagli uffici, che permetterà di versare all’azienda 10 milioni di euro di aiuti di stato messi a disposizione dal governo. Lo rende noto la stessa Regione Toscana.

Nell’atto si spiega che "la società utilizzerà la sovvenzione per il mantenimento negli aeroporti di Pisa e Firenze delle attività essenziali di presidio e funzionamento, indipendenti dal numero di passeggeri: tra questi sicurezza, controlli e salute sul lavoro (misure Covid comprese)".

Nell’accettare i 10 milioni di euro, si legge in un comunicato ufficiale diramato dalla Regione, "l’azienda si è impegnata a mantenere gli attuali livelli occupazionali diretti - anche nell’ipotesi di eventuali cessioni di rami di aziende o controllate, almeno per dodici mesi - e a garantire la continuità dei servizi e la tutela dei lavoratoti di terra dei due aeroporti di Pisa e Firenze".

Entro tre mesi dall’erogazione della somma Toscana Aeroporti "dovrà trasmettere una relazione dettagliata e una rendicontazione certificata sull’uso dei 10 milioni, accompagnata da una dichiarazione che le voci di spesa non hanno trovato copertura o ristoro in altri benefici o risarcimenti, anche di natura privata. Se la somma degli aiuti superasse il danno, Toscana Aeroporti dovrà restituire la differenza (e gli eventuali interessi) alla Regione".

La società, presieduta da Marco Carrai, nei mesi scorsi ha annunciato la volontà di vendere Toscana Aeroporti Handling, il ramo d'azienda che gestisce i servizi a terra e che occupa tra gli aeroporti di Firenze e Pisa circa 450 lavoratori. Lavoratori che nelle scorse settimane hanno spesso protestato con presìdi di piazza, preoccupati che in molti possano perdere il posto di lavoro. Nella nota della Regione si fa riferimeno all'impegno di mantenere per un anno gli stessi livelli occupazionali, ma il timore di sindacati e lavoratori e che dopo 12 mesi, e dopo avere ricevuto svariati milioni di soldi pubblici, tanti posti di lavoro possano essere a rischio.

Toscana Aeroporti Handling: "No alla svendita, in gioco 20 anni di conquiste sociali"

Gkn: "Hanno preso milioni di fondi pubblici, rispondano di ciò che fanno"

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Regione in aiuto di Toscana Aeroporti, sì ai 10 milioni di fondi pubblici: "Mantenere stessa occupazione per un anno"

FirenzeToday è in caricamento