rotate-mobile
Lunedì, 6 Febbraio 2023
Economia

Superbonus, la denuncia di Confartigianato: "Interessi del 35%, è incentivo alle banche e non ai cittadini"

Il presidente Ferretti: "Governo deve correggere evidente distorsione: serve un tetto massimo"

“Non riesco più a capire se il Superbonus sia ancora un incentivo a favore dei cittadini o delle banche. Visto ciò che stiamo riscontrando temo propria sia solo a favore di quest’ultime”.

È la denuncia di Jacopo Ferretti, Segretario generale di Confartigianato Imprese Firenze dopo un incontro con un’impresa che ha illustrato ennesimi problemi nei rapporti con banche e istituti di credito.

Superbonus 110%: rinvio a fine dicembre. Il Collegio dei geometri: "Continua il caos normativo"/VIDEO

“La banca – spiega Ferretti ricostruendo tutta la procedura di accesso al credito – apre una pratica, senza però precisare il prezzo di acquisto, richiede la documentazione e, quando ha il disco verde, fornisce la percentuale. La percentuale sta diventando imbarazzante: sul 110%, per esempio, riconoscono circa l’80% tenendo per sé un 30-35% o anche 40%, per altri incentivi, di interessi, su lavori già fatti. Fino a poco tempo fa si arrivava a circa l’8%. In Toscana, nel mese di novembre, a dati Enea, ci sono stati oltre 26mila interventi: immaginiamo su questi numeri gli interessi che vanno a incassare le banche!”.

“In questo modo – aggiunge – tutto il circuito si inceppa a meno che non si passi attraverso queste vere e proprie forche caudine. Siamo di fronte a una distorsione pesante del mercato e anche un tradimento degli obiettivi originali del Superbonus".

"Ci sono stati già troppi interventi da parte dei governi sul Superbonus con effetti generalmente negativi ma questo è un punto da correggere: serve un tetto massimo”, la proposta di Ferretti.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Superbonus, la denuncia di Confartigianato: "Interessi del 35%, è incentivo alle banche e non ai cittadini"

FirenzeToday è in caricamento