rotate-mobile
Lunedì, 6 Febbraio 2023

Superbonus 110%: rinvio a fine dicembre. Il Collegio dei geometri: "Continua il caos normativo"/VIDEO

il coordinatore provinciale Marcucci: "Ci potremmo trovare in una paradossale situazione di incertezza giuridica". I dettagli delle nuove disposizioni contenute nel decreto Aiuti-quater

Venerdì 18 novembre 2022 è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto “Aiuti-quater” che dovrà essere convertito in legge entro il 17 gennaio 2023. Tra le norme approvate, il decreto contiene nuove disposizioni che modificano l’applicazione del superbonus 110% soprattutto per la scadenza dell’agevolazione e la tempistica di recupero delle stesse nei casi di sconto in fattura o cessione del credito.

Disposizioni su cui arriva il duro commento del collegio dei geometri della provincia di Firenze, nelle parole del coordinatore della commissione “edilizia e urbanistica” Gianni Marcucci: “Ci potremmo trovare in una paradossale situazione di incertezza giuridica con l'approvazione della finanziaria entro il 31 Dicembre che andrà sicuramente ad incentivare l'uso delle energie rinnovabili, e l'entrata in vigore successiva del Decreto “aiuti quater”.

"La due leggi andranno sicuramente a creare caos normativo, come sempre più spesso accade" aggiunge Marcucci.

I dettagli

Entrando nei dettagli tecnici e in particolare delle modifiche che riguardano le detrazioni fiscali di cui all'art. 119 del Decreto Legge n. 34/2020 (Decreto Rilancio), alla fine il legislatore ha scelto di:

  • anticipare la rimodulazione degli incentivi per alcuni dei soggetti beneficiari rimasti (condomini);
  • consentire maggior tempo per chiudere i lavori sulle unifamiliari e aprire per queste una nuova finestra temporale con alcuni vincoli.

Cosa cambia per i condomìni

Relativamente agli interventi realizzati dai soggetti di cui all'art. 119, comma 9, lettere a) e d-bis) del Decreto Rilancio, ovvero dai condomini (anche minimi o assimilati tali per la presenza di parti comuni come definite all'art. 1117 del codice civile) e dalle persone fisiche, al di fuori dell'esercizio di attività di impresa, arte o professione, con riferimento agli interventi su edifici composti da due a quattro unità immobiliari distintamente accatastate, anche se posseduti da un unico proprietario o in comproprietà da più persone fisiche, è stata confermata la rimodulazione dell'incentivo che a partire dalle spese sostenute dal 1 gennaio 2023, diminuirà dal 110% al 90%, per passare al 70% nel 2024 e 65% nel 2025".

È previsto che la modifica non si applicherà:

  • ai soggetti che entro il 25 novembre 2022 avranno presentato la CILAS ai sensi dell'art. 119, comma 13-ter del Decreto Rilancio e che, in caso di edifici in condominio, abbiano adottato in data antecedente al 25 novembre 2022 la delibera assembleare con l'approvazione dell’esecuzione dei lavori risulti adottata;
  • agli interventi comportanti la demolizione e la ricostruzione degli edifici, per i quali alla medesima data del 25 novembre 2022, risulti presentata l’istanza per l’acquisizione del titolo abilitativo.

Cosa cambia per le unità “unifamiliari

Come anticipato, per gli interventi avviati dai soggetti di cui all'art. 119, comma 9, lettera b) del Decreto Rilancio ovvero:

  • dalle persone fisiche, al di fuori dell'esercizio di attività di impresa, arti e professioni (su un massimo di due unità immobiliari);
  • per i quali al 30 settembre 2022 è già stato completato il 30% dei lavori complessivi, è offerta la possibilità di utilizzare il superbonus 110% sulle spese sostenute fino al 31 marzo 2023 (anziché 31 dicembre 2022).

Per gli stessi soggetti è stata aperta una nuova finestra temporale per le spese sostenute dal 1 gennaio 2023 al 31 dicembre 2023, ma con una aliquota del 90% e due vincoli:

  • uno sull'immobile, che dovrà essere adibito ad abitazione principale;
  • uno sul reddito di riferimento, che non dovrà superare i 15.000 euro utilizzando il quoziente familiare indicato nel nuovo comma 8-bis.1 aggiunto all'art. 119 del Decreto Rilancio.

Come cambia la cessione del credito

Al fine di provare a riaprire la capienza fiscale dei cessionari, è previsto che le spese per interventi di superbonus, in deroga all’articolo 121, comma 3, terzo periodo del Decreto Rilancio, i crediti d’imposta derivanti dalle comunicazioni di cessione o di sconto in fattura inviate all’Agenzia delle entrate entro il 31 ottobre 2022 e non ancora utilizzati, possono essere fruiti fino a 10 rate annuali di pari importo, in luogo dell’originaria rateazione prevista per i predetti crediti, previo invio di una comunicazione all’Agenzia delle entrate da parte del fornitore o del cessionario, da effettuarsi in via telematica, anche avvalendosi dei soggetti previsti dal comma 3 dell’articolo 3 del regolamento di cui al decreto del Presidente della Repubblica 22 luglio 1998, n. 322.

La quota di credito d’imposta non utilizzata nell’anno comunque non può essere usufruita negli anni successivi e non può essere richiesta a rimborso. L’Agenzia delle entrate, rispetto a tali operazioni, effettua un monitoraggio dell’andamento delle compensazioni, ai fini della verifica del relativo impatto sui saldi di finanza pubblica.

Con provvedimento del direttore dell’Agenzia delle entrate saranno definite le relative modalità attuative di tale nuova disposizione.”

Si parla di
Sullo stesso argomento

Video popolari

Superbonus 110%: rinvio a fine dicembre. Il Collegio dei geometri: "Continua il caos normativo"/VIDEO

FirenzeToday è in caricamento