menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sicurezza, igiene, qualità: Mercafir a gonfie vele nonostante il Coronavirus

Avviata la sanificazione quotidiana del padiglione ortofrutta. Cresce la richiesta della grande distribuzione

Nonostante il coronavirus, prosegue l’attività del mercato agroalimentare di Firenze gestito da Mercafir, principale fonte di approvvigionamento di prodotti alimentare freschi di tutta l’area metropolitana fiorentina.

In questo periodo di emergenza legata al Coronavirus, anche Mercafir ha emanato specifiche disposizioni per garantire un elevato controllo del rispetto delle misure espresse dal decreto del governo, raccomandando alle strutture interne l’osservanza delle norme igienico-sanitarie previste e dal 16 marzo è in atto il servizio di sanificazione quotidiano dell’intero padiglione ortofrutta.

E’ stato disposto inoltre il servizio di sanificazione per i servizi igienici pubblici, le portinerie e gli uffici. Questa mattina il mercato ha aperto regolarmente alle ore 3 per l’attività di vendita all’ingrosso dei prodotti ortofrutticoli ed alle 6 per l’attività di vendita all’ingrosso di prodotti ittici, carni e florovivaistici. Alle 10 si sono registrati in totale 1.053 ingressi, numero sostanzialmente in linea alla media di martedì scorso.

Mercafir segnala un calo di richiesta di prodotti da parte del settore della ristorazione di circa il 90%. La grande distribuzione organizzata ha aumentato invece la sua richiesta del 10% rispetto alla media. I prodotti della IV gamma, ovvero i prodotti ortofrutticoli freschi confezionati e pronti per il consumo, sono in aumento del 20%. I prezzi rimangono sostanzialmente invariati.

Al momento si conferma quindi un ampio assortimento di prodotti freschi senza criticità negli approvvigionamenti. C’è stata però una grande contrazione nelle vendite del settore ittico a causa della chiusura delle attività di ristorazione. In aumento invece la vendita nel settore carni, che registra un aumento del 20% rispetto alla media, così come il gruppo Gdo che continua la sua attività di sezionamento con un aumento del 40%. I prezzi delle carni registrano un aumento del 5%.

Le misure fino ad oggi adottate continuano ad assicurare regolare approvvigionamento e distribuzione dei prodotti freschi, mantenendo un elevato controllo sulla qualità e sulla sicurezza alimentare. L’accesso al mercato con gli automezzi è consentito dalla portineria di Via dell’Olmatello e quello pedonale dai passaggi pedonali di Viale Guidoni e Piazza Artom, dietro appositi controlli.  

Nel rispetto dei provvedimenti emanati dal Decreto dell'8 marzo 2020 con successivo decreto integrativo del 9 marzo 2020, Mercafir ha ritenuto doveroso, in via precauzionale e temporanea, disporre la chiusura del mercato al pubblico per la giornata di sabato 21 marzo. L’attività del Mercato delle Opportunità è sospesa per questioni organizzative interne fino a data da destinarsi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Coronavirus: 526 nuovi positivi e 6 decessi in Toscana

  • Meteo

    Maltempo: nuova allerta in Toscana

  • Cronaca

    Sedicenne in fuga con l’influencer di TikTok

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FirenzeToday è in caricamento