rotate-mobile
Mercoledì, 28 Settembre 2022
Economia Brozzi / Via de' Cattani

Vertenza Gilbarco, sciopero e presidio ai cancelli della fabbrica: "No agli esuberi"

L'azienda ha annunciato 70 esuberi, la Cgil: "Totale opposizione ad una riorganizzazione attuata solo per aumentare i profitti"

Prima di due mezze giornate di sciopero, ieri, di fronte ai cancelli della Gilbarco, in via de' Cattani, a Brozzi. L'azienda, che fa capo alla multinazionale Vontier, comprende al momento più di 167 dipendenti, tra diretti e interinali, ma ha recentemente annunciato una riorganizzazione a livello internazionale che comporterà a circa 70 esuberi tra lavoratori dipendenti e interinali.

La volontà, spiega la Cgil, è quella di spostare parte della produzione in Germania. "Benché non sia stata ancora aperta la procedura di licenziamento collettivo, ai lavoratori interinali è già stato comunicato che dal 1° luglio non saranno più in servizio presso lo stabilimento", fa sapere la Fiom Cgil, secondo la quale "l'azienda non è assolutamente in crisi. La riorganizzazione viene attuata solo per aumentare i profitti".

"Lo sciopero di ieri pomeriggio ha avuto grande adesione, con la partecipazione di circa l'80% di tutte le lavoratrici e i lavoratori al presidio davanti allo stabilimento fiorentino. Insieme alla Rsu, come Fiom Firenze e Prato ribadiamo la nostra totale opposizione al piano di riorganizzazione aziendale e ai preannunciati esuberi, voluti solo per aumentare i profitti", spiega la Fiom Cgil.

Oggi altre 4 ore di sciopero e nuovo presidio. Intanto il 5 maggio in Regione è convocato il tavolo istituzionale per un confronto con l'azienda, che nell'ultimo incontro con i sindacati ha ribadito la volontà di aprire la procedura di licenziamento collettivo.

Sfera Italia, dipendenti senza stipendio da mesi

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vertenza Gilbarco, sciopero e presidio ai cancelli della fabbrica: "No agli esuberi"

FirenzeToday è in caricamento