menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ristori a ristoranti, bar e locali notturni: on line il bando per i contributi

Gli aiuti economici sono rivolti a chi ha patito perdite di fatturato pari almeno al 40% da gennaio a novembre 2020

Come annunciato prima di Natale, da oggi, 11 gennaio, si possono presentare le domande per il bando di aiuti a ristoranti, bar, pasticcerie e ‘imprese del divertimento’ come locali notturni e da ballo, che hanno patito pesanti danni in seguito alle chiusure decise in funzione anti coronavirus .

C’è tempo fino alle 17 del 25 gennaio per inoltrare le richieste e non sarà un bando a sportello: non varrà cioè la regola che priorità avrà chi per primo presenterà la domanda, il che avrebbe avvantaggiato i più ‘smart’ e attrezzati.    

Per godere dei 2.500 euro di contributo a fondo perduto l’unica condizione richiesta è che dal 1° gennaio 2020 al 30 novembre dello stesso anno il fatturato generato sia inferiore di almeno il 40 per cento rispetto a quello dei mesi corrispondenti del 2019.

L’intervento si rivolge a micro, piccole e medie imprese della ristorazione e del divertimento contraddistinte dai codici Ateco Istat 56 e 93.29.10. 

La graduatoria sarà determinata in funzione della percentuale di calo del fatturato, privilegiando chi ha avuto le maggiori perdite.

Le imprese costituite nel corso del 2020 saranno posizionate tutte al primo posto nella graduatoria, ma il contributo sarà riproporzionato rispetto agli effettivi mesi di operatività.

Il conteggio parte dall’emissione delle prima fattura. Se l’azienda dunque è stata attiva fino a novembre di quest’anno per meno di undici mesi il contributo sarà inferiore a 2.500 euro.

Le imprese che hanno iniziato ad operare tra il 16 novembre e il 31 dicembre 2019 riceveranno il contributo pieno. 

La domanda di agevolazione si presentano esclusivamente on line da un legale rappresentante dell'impresa previo accesso, tramite credenziali Spid Livello 2 o Cns, al sistema informativo.

Subito dopo il 25 gennaio una graduatoria sarà composta sulla base delle autodichiarazioni presentate e, laddove risulti regolarità contributiva da parte delle aziende attestata dal Durc, "l’erogazione del ristoro alle imprese sarà praticamente immediata", si legge in una nota della Regione Toscana. Nel caso di problemi con il Durc, ci saranno trenta giorni per regolarizzare o chiarire la posizione.

“Tutta l’economia sta soffrendo per le conseguenze dell’emergenza sanitaria da coronavirus - commenta l’assessore Leonardo Marras  - Alle imprese e al sistema economico della Toscana mancheranno 12 miliardi di ricavi nel 2020 su 120 miliardi di Pil. Dovremo dunque nel 2021 fare una riflessione con tutte le categorie per capire come utilizzare al meglio le risorse in campo. Intanto abbiamo mantenuto la promessa di fine anno e pubblicato rapidamente questo bando”.

Il bando, come rende noto la Regione Toscana, è stato pubblicato sul sito di SviluppoToscana - www.sviluppo.toscana.it/ristoratori - e a disposizione ci sono oltre 19 milioni e 543 mila euro.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Coronavirus: 526 nuovi positivi e 6 decessi in Toscana

  • Meteo

    Maltempo: nuova allerta in Toscana

  • Cronaca

    Sedicenne in fuga con l’influencer di TikTok

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FirenzeToday è in caricamento