rotate-mobile
Giovedì, 19 Maggio 2022
Economia

Rincari energia: protesta a lume di candela dei ristoratori 

Madeo: “Spengiamo le luci per non spegnere il lavoro. La politica faccia presto: ogni giorno che passa, un ristorante in più che chiude”

Tni Italia, sigla sindacale che rappresenta il mondo della ristorazione e della ricettività, sostiene l’iniziativa #blackoutdinner, lanciata per sensibilizzare governo e opinione pubblica sui rincari dell’energia.
 
Stasera, dalle 20 alle 21, i ristoratori italiani spegneranno le luci dei locali e accenderanno le candele. Sui social saranno pubblicate foto e video della particolare ‘cena a lume di candela’, sotto l’hashtag #blackoutdinner.
 

“I costi dell’energia sono insostenibili, nel bollette sono aumentate del 150% rispetto al 2020. A questi si aggiungono i rincari vertiginosi dei costi delle materie prime che stanno portando al fallimento un intero settore”, afferma il presidente di Tni Italia, Raffaele Madeo, oggi a Rimini insieme a balneari, tassisti e ambulanti per la terza assemblea contro le multinazionali. “Le nostre imprese stanno licenziando, alcune hanno chiuso in attesa di riaprire, forse, di tempi migliori. Lanciamo l'ennesimo appello alla politica e alle istituzioni perché faccia presto. Il dl Sostegni è del tutto insufficiente e ogni giorno che passa è un'azienda in più che muore”.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rincari energia: protesta a lume di candela dei ristoratori 

FirenzeToday è in caricamento