Ristorazione: una bottiglia di Chianti in omaggio a chi cena fuori

Iniziativa per sostenere il settore della ristorazione

Una bottiglia di Chianti in omaggio a tutti coloro che ceneranno in uno dei ristoranti aderenti. È l’iniziativa organizzata da “Castelli del Grevepesa”, storica azienda del Chianti Classico, presa per aiutare il settore della ristorazione afflitto dalla contrazione causata dal Covid-19.

Il progetto, denominato “A cena con Castelli del Grevepesa”, nasce dalla volontà di supportare il mondo della ristorazione in un momento così difficile, cercando di riportare le persone a godere del buon vino e della buona cucina nei ristoranti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per partecipare all’iniziativa basta iscriversi sul sito di Castelli del Grevepesa per ricevere un voucher utilizzabile presso uno dei ristoranti segnalati sullo stesso sito (la lista è in continuo aggiornamento).

Coronavirus: "Giù l'incasso dei ristoratori"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm: slitta la firma, tutti i dubbi delle Regioni

  • Coronavirus: possibili 'zone rosse' in Toscana

  • Verso un nuovo Dpcm entro domenica 25 ottobre

  • Montespertoli: si getta nel vuoto dopo una lite in casa, muore quindicenne

  • Nuovo Dpcm: Conte ha firmato, che cosa cambia da lunedì

  • Incidente stradale in viale Belfiore: auto contro scooter, un ferito grave / FOTO

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FirenzeToday è in caricamento