rotate-mobile
Venerdì, 30 Settembre 2022
Economia

Rincari: “La crisi alimentare mondiale non è colpa solo della guerra”

Agnoletti (Unesco): “La produzione globale di cibo è in eccesso, ma i meccanismi del mercato hanno messo fuori gioco i piccoli produttori: una catastrofe per i paesi in via di sviluppo. All’Italia basterebbe meno di un milione e mezzo di ettari per l’autosufficienza in grano”

"La produzione alimentare mondiale complessivamente è in eccesso, quindi teoricamente non ci sono rischi alimentari, eppure ci sono tra i 700 e gli 800 milioni di persone che soffrono la fame (FAO, 2021)”. E’ quanto dichiara Mauro Agnoletti, titolare della cattedra Unesco per il paesaggio del patrimonio agricolo recentemente istituita dall’Università di Firenze e coordinatore del master internazionale collegato al programma GIAHS per la salvaguardia dei paesaggi rurali storici.

“Ciò succede perché non tutti riescono ad accedere ai surplus di cibo o hanno risorse economiche sufficienti a pagare il prezzo di mercato richiesto – spiega Agnoletti - e perché vi sono incredibili sprechi di cibo. Le molteplici crisi sanitarie, ambientali, politiche ed economiche e i meccanismi di mercato hanno però un altro effetto perverso. Quando le risorse di cereali, ad esempio, sono in mano a grandi gruppi agroindustriali o pochi paesi produttori, essi impongono i loro prezzi e i loro standard qualitativi, mentre i piccoli agricoltori sono messi fuori mercato e smettono di produrre”.

“Si spiega anche così perché in Italia abbiamo abbandonato oltre 10 milioni di ettari di aree  agricole e, assieme ad una floridissima industria agro alimentare, abbiamo il 75% del territorio rurale in stasi o recessione economica e importiamo il 60% del cibo dall’estero”, prosegue Agnoletti.


“Collegandosi all’attualità, accade poi che se un conflitto limita la circolazione delle derrate alimentari o ne fa aumentare eccessivamente il prezzo, non abbiamo più coltivazioni nazionali per reagire agli shock e siamo esposti ai fattori internazionali: ci basterebbero 1.400.000 ettari per essere autosufficienti in grano, a livello nazionale. Se questo complesso di fattori critici accade in Italia non moriamo di fame – conclude Agnoletti - ma se accade in un paese in via di sviluppo è una catastrofe”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rincari: “La crisi alimentare mondiale non è colpa solo della guerra”

FirenzeToday è in caricamento