Piazza Ciompi, il Mercato delle Pulci non trasloca: banchi nuovi e piazza in pietra

I commercianti hanno presentato un project financing per una nuova risistemazione della piazza e del mercato: le strutture di vendita in acciaio e cristallo, pavimentazione in pietra e nuovi arredi

Prima si sarebbero dovuti spostare in piazza Ghiberti. Ci fu anche un accordo con la Firenze Parcheggi e un concorso di idee. La questione, poi, si arenò e gli ambulanti del Mercato delle Pulci, da piazza Ciompi non si sono mai trasferiti. Allora saltò tutto per una serie di ragioni, tra cui i costi, quelli che avrebbero dovuto sostenere i commercianti per dar seguito alla trasferta: tra l’altro le spese per i nuovi banchi.

In queste ore la svolta. Il mercatino dell’antiquariato, infatti, si prepara a un cambio radicale: non solo le attuali bancarelle saranno sottoposte ad un accurato restyling, ma presto inizieranno i lavori per rifare la pavimentazione della piazza e il restauro della Loggia del pesce. Tra un anno quindi la zona potrebbe già essere completamente trasformata e riqualificata. Così questa mattina nell’audizione in commissione sviluppo economico per verificare l’avanzamento dei lavori.

“La riqualificazione complessiva di piazza dei Ciompi è uno dei temi da sempre al centro dell’impegno dell’amministrazione comunale – commenta l’assessore allo Sviluppo economico Sara Biagiotti – e sono molto contenta che il progetto, dopo un complesso percorso, sia ormai in dirittura d’arrivo. Da parte nostra, abbiamo investito notevoli risorse per il rifacimento della piazza con l’obiettivo, condiviso con gli operatori del mercato e con i cittadini, di rendere alla città un luogo carico di storia, di suggestione e di potenzialità economica”.

Al momento nella piazza ci sono una trentina di bancarelle che vendono oggetti di antiquariato. Si tratta di ‘negozietti’ storici, già preesistenti prima dell’alluvione e poi ricostruiti dopo l’esondazione dell’Arno. Adesso però non mancano i problemi: sui tetti delle bancarelle c’è amianto e, soprattutto, il loro diritto a stare sulla piazza, in base alle norme vigenti, scadrà nel 2017 e non sarà più prorogabile.

Ecco allora che i commercianti si sono messi d’accordo e insieme a uno studio di progettazione e una società di costruzione hanno presentato un project financing al Comune per una nuova risistemazione della piazza. Un progetto da circa 700 mila euro che prevede, tra l’altro nuove strutture di vendita in acciaio e cristallo con tettuccio verde con sedum, la pianta perenne e resistente alle intemperie che già ‘segue’ il tracciato della linea 1 della tramvia. In cambio, gli antiquari rimarrebbero dove sono ora per altri 20 anni in concessione.

Il project è stato presentato ad agosto. In questi mesi ci sono stati continui contatti tra Comune e rappresentanti degli antiquari per mettere a punto modifiche e migliorie in modo da poter considerare l’atto di ‘pubblica utilità’ e poi di bandire una gara sulla base del progetto già presentato. La procedura si dovrebbe aprire tra pochi mesi e durare 60 giorni. Se nessun altro si presenta per ipotesi migliorative si può partire.

Ma intanto l’amministrazione va avanti sugli altri fronti: il restauro della Loggia del pesce (è già stato approvato il progetto esecutivo, i lavori costeranno 120 mila euro) e soprattutto la nuova pavimentazione e nuovi arredi della piazza, che sarà in pietra serena e costerà oltre un milione di euro. Mentre ci saranno i cantieri gli antiquari saranno provvisoriamente spostati in piazza Annigoni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Oroscopo Paolo Fox oggi 18 novembre 2020, le previsioni segno per segno

  • Coronavirus, Giani: "Possibile Toscana arancione a inizio dicembre"

  • Coronavirus, nuova ordinanza: vietato consumare cibo e bevande sul posto e nel raggio di 50 metri 

  • Oroscopo Paolo Fox oggi 20 novembre 2020, le previsioni segno per segno

  • Rinnovo della patente di guida: tutte le informazioni

  • Oroscopo Paolo Fox oggi 23 novembre 2020: le previsioni segno per segno

Torna su
FirenzeToday è in caricamento