rotate-mobile
Mercoledì, 8 Dicembre 2021
Economia Calenzano

Azienda cinese licenzia 14 senegalesi: la Regione scrive alla Procura

Protesta dei lavoratori di Calenzano: "A noi le mansioni più faticose, cacciati per aver preteso i pagamenti"

Quattordici operai senegalesi hanno denunciato di essere stati, di fatto, "licenziati" da un'azienda, di proprietà cinese, a Calenzano (Firenze). Questa mattina hanno tenuto un presidio di fronte alla sede della Giunta regionale della Toscana e sono stati ricevuti dal consigliere per il lavoro del presidente Enrico Rossi, Gianfranco Simoncini, i quali, assieme al console del Senegal, Eraldo Stefani, hanno inviato una lettera alla proprietà e annunciato che invieranno una segnalazione alla Procura della Repubblica e agli organi ispettivi (Asl, Ispettorato del lavoro, Inps) incaricati di verificare le condizioni di lavoro, per gli eventuali controlli.

La ditta è la Pullzeta, che, secondo la denuncia diffusa dalla Fiom, non avrebbe rinnovato i contratti a tempo indeterminato, nel passaggio dalla precedente gestione, soltanto ai quattordici giovani, tra cui alcune donne, di origine senegalese. "Ci hanno fatto fuori perché abbiamo fatto gruppo per
rivendicare i nostri diritti", ha spiegato Ngom Abdou che è in Italia da sette anni. "Ho iniziato a lavorare con la precedente azienda nel 2014 (che si chiamava Metalucido ndr), ed eravamo assunti a tempo indeterminato. Poi in maniera informale ci avevano comunicato che saremmo stati riassunti a tempo indeterminato, cosa che è stata fatta con i circa altri 100 lavoratori, tranne che appunto a noi", ha detto ancora Abdou. "Ci siamo lamentati per avere effettivamente i soldi che risultavano dalla busta paga e farci pagare gli straordinari - ha continuato Abdou- e questo è stato il risultato". I 14 senegalesi hanno anche raccontato di essere stati impiegati nella parte più dura del lavoro, di pulimentatura di accessori metallici destinati all'indotto delle grandi firme della moda.
 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Azienda cinese licenzia 14 senegalesi: la Regione scrive alla Procura

FirenzeToday è in caricamento