Olio: in Toscana buone notizie per l'oro verde

La brutta annata del 2017 è solo un ricordo

In Toscana la produzione dell'olio è aumentata del 30%. Il 2018 si conclude con un dato più che positivo rispetto al 2017: anno considerato "disastroso" perché la produzione si era fermata a quota 100 milioni di litri. La Toscana è una delle poche regioni italiane che può vantare un segno più sulle stime produttive, con punte in alcune zone della regione che arrivano fino ad un incremento del 50%.

Risultati positivi per le aziende che però rischiano di essere vanificati da una situazione che si sta delineando in Toscana.

“E’ a rischio la coltura di olivi che fa bello il paesaggio toscano, quello collinare - spiega Ritano Baragli,  vicepresidente di FedagriPesca - questo a causa della concorrenza con impianti specializzati, soprattutto nelle zone costiere pianeggianti, che consentono la raccolta meccanizzata delle olive".

"Nel prossimo futuro - continua Barbagli - e parlo di 3-4 anni, si creerà una differenza molto forte di redditività degli oliveti tra le zone interne collinari e le zone pianeggianti.  Chiediamo alla Regione Toscana il sostegno per avviare interventi mirati per mitigare queste differenze, penso ai terrazzamenti o ai muretti a secco, altrimenti il rischio è che gli oliveti in collina vengano abbandonati.”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Giani: "La Toscana torna arancione dal 4 dicembre"

  • Coronavirus, Giani: “Con questi numeri Toscana gialla o arancione”

  • Coronavirus: nuova ordinanza in Toscana  

  • Oroscopo Paolo Fox oggi 25 novembre 2020: le previsioni segno per segno

  • Oroscopo Paolo Fox oggi 27 novembre 2020, le previsioni segno per segno

  • Oroscopo Paolo Fox oggi 26 novembre 2020, le previsioni segno per segno

Torna su
FirenzeToday è in caricamento