Venerdì, 19 Luglio 2024
Corsa agli acquisti

Ai Gigli 1.200 persone in coda prima dell’apertura

Confcommercio e Confesercenti: “Tanto interesse, vendite su grazie alla presenza dei turisti”

Qui il link per seguire il canale whatsapp di FirenzeToday

Primo giorno di saldi e oltre mille persone, 1.200 specifica l’ufficio stampa, davanti ai Gigli ad attendere l’apertura delle porte del centro commerciale di Campi Bisenzio. Numero che poi è naturalmente cresciuto nel corso della mattinata, con clienti anche da fuori provincia.

A catturare l’attenzione delle famiglie tutti i punti vendita e in particolare le medie superfici come Zara, Primark, H&M, Ovs, Game 7, Coin, Bershka. Rispetto agli anni precedenti l’edizione estiva dei saldi parte con promozioni e sconti fino al -50% già dal primo giorno. “La scelta - dicono - per molti è stata indirizzata verso i capi di abbigliamento estivo e moda mare visto l’arrivo del caldo in questi giorni. Premiato, inoltre, l’abbigliamento sportivo e gli accessori, ma anche borse, zaini e valigeria in previsione delle vacanze. C’è chi si è lasciato guidare dagli acquisti scontati e chi, invece, è entratocon sicurezza nel negozio per comprare il prodotto già individuato prima dell’inizio dei saldi”.

Grande interesse ma vendite ancora a rilento”

Di apertura dei saldi “segnata da grande interesse” ma di vendite non partite ancora in maniera forte, parla invece il presidente di Federmoda Confcommercio Toscana Paolo Mantovani a chiusura della prima mattina di saldi. “Finalmente è arrivato il caldo, sono arrivati i turisti e nei negozi c’è movimento. Molte persone sono entrate ‘in esplorazione’ e finalizzeranno gli acquisti in un secondo momento. Noi manteniamo il nostro ottimismo”Secondo le stime di Confcommercio, il 63% delle famiglie toscane (contro il 61% dello scorso anno) acquisterà articoli di abbigliamento e calzature durante i saldi estivi, per un valore totale di circa 213 milioni di euro (212.946.380), di poco inferiore ai 216 milioni registrati nell’estate 2023.

“Ad alzare il valore complessivo - continua - si aggiungerà la spesa dei turisti, soprattutto stranieri, che trascorrono le loro vacanze nelle città d’arte dell’entroterra o nelle località balneari più famose”.

“Acquisti in crescita grazie ai turisti“

“Ringrazia” invece il calendario Enzo Nigi, presidente Fismo Confesercenti Firenze dopo l’avvio infrasettimanale di un anno fa, con il ritorno al sabato, “il giorno più commercialmente competitivo. È bastato questo, assieme alla situazione meteo di una ‘estate ritardata’ che ha fortemente condizionato gli acquisti di capi estivi di maggio e giugno, per una partenza sensibilmente positiva almeno rispetto al 2023”, commenta Enzo Nigi, presidente Fismo Confesercenti Firenze.

“Ciò soprattutto nelle parti di territorio, come l’area Unesco di Firenze, in cui le presenze turistiche stanno trainando  le vendite nel primo giorno di vendite promozionali”.  Tuttavia, sottolinea, “occorrerà comunque attendere qualche settimana per fare una prima e più accurata  valutazione complessiva sull’andamento delle vendite, che comunque potranno essere negativamente  condizionate da altri fattori come l’innalzamento generalizzato del costo della vita, la crescita degli acquisti on line, la stasi nella crescita dei redditi familiari”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ai Gigli 1.200 persone in coda prima dell’apertura
FirenzeToday è in caricamento