rotate-mobile
Economia

Pelletteria, prosegue la ripresa della Toscana: fa oltre il 40% dell’export nazionale

Trend molto positivo anche per le fiere: si riaffacciano i buyer della fascia orientale. Calistri: "istantanea assolutamente incoraggiante ma restano le preoccupazioni generate dall’incertezza del quadro nazionale e internazionale"

Prosegue la ripresa della Toscana della pelletteria, nonostante il quadro di incertezza nazionale e internazionale. Bilancio positivo per il primo semestre 2022: secondo i dati elaborati per Assopellettieri dal Centro Studi Confindustria Moda, le vendite estere dei prodotti della pelletteria e della concia (raggruppati nella voce Ateco CB151) registrano un incremento dell’export del 11,9% sul primo semestre 2021. Un dato che conferma il trend positivo per il settore quindi, anche se inferiore alla media nazionale (+17%), pari a 2,8 miliardi di euro in valore: il 40,6% del totale italiano. Si allentano le tensioni sul fronte occupazionale, con un lieve recupero nel numero di addetti e il crollo delle ore di CIG autorizzate; pressoché stabili, invece, le imprese attive.

La Toscana si conferma quindi prima regione italiana per esportazioni di pelletteria e concia, davanti a Veneto e Lombardia. Firenze e Pisa occupano il primo e quarto posto nella graduatoria delle province esportatrici italiane del primo semestre 2022, con quote rispettivamente del 33,5% e del 4,9% sul totale nazionale. Firenze (+11,3% sul 2021) copre oltre un terzo dell’export nazionale con 2,3 miliardi di euro nei primi 6 mesi (poco meno che nel gennaio-giugno 2019 pre pandemia, -0,4%). Bene anche Pisa che registra un +23% sul 2021. Siamo quindi a un passo dai livelli pre-Covid di gennaio-giugno 2019, quando erano stati esportati beni per poco meno di 2,9 miliardi di euro: il gap è dell’1,9%.

Un trend positivo confermato anche dall’affluenza alle fiere di settore organizzate da Assopellettieri: il Mipel, che chiude oggi e Mipel Lab, in partenza a Fiera Milano – Rho. «In Toscana il trend continua a essere molto positivo – commenta Andrea Calistri vicepresidente di Assopellettieri con delega al distretto toscano -, un andamento confermato anche dalla grande partecipazione alle fiere, dove nell’ambito di un’ottima affluenza cominciano a riaffacciarsi anche i compratori da tutta la fascia orientale: è la dimostrazione che c’è grande voglia di tornare alla normalità. Sul territorio, le aziende sono in pieno fermento, ancora grazie in particolare al crescente interesse da parte degli Stati Uniti che continuano a rappresentare un mercato vivacissimo in questo momento storico. Un’istantanea che occorre però valutare con grande cautela – precisa Calistri -: le preoccupazioni generate dall’incertezza del quadro nazionale e internazionale, ovviamente, restano. La prudenza, quindi, è d’obbligo. I costi per il trasporto e le materie prime aumentati vertiginosamente, i rincari della pelle e degli accessori metallici: tutto questo ha un forte impatto sui costi totali di produzione, rischiando di renderci meno competitivi. Un dato che nella prossima legislatura sarà fondamentale tenere ben presente».

Sul fronte dei Paesi d’esportazione, a brillare sono i mercati nordamericani, la Corea del Sud e il Giappone, tutti già decisamente al di sopra dei livelli pre-Covid del 2019. La Toscana registra, rispetto al 2021 consolidamenti modesti dei flussi verso la Svizzera (+3,2%) Paese tradizionalmente legato alle forniture per le griffe internazionali del lusso su cui si registra ancora un gap del -26,6% sull’analogo periodo del 2019. I dati sono però probabilmente da interpretare anche alla luce di differenti modalità di spedizione ai mercati finali (diretta, senza transito negli hub collocati nei due Paesi, o da depositi ubicati in altre regioni). Migliorano i dati sulla Francia: +26,2% sul 2021 e +55% sul 2019. Bene invece l’export verso Sud Corea e Giappone: +12,8% e +20,4% sullo scorso anno ma, rispettivamente +148,9% e + 117% rispetto ai primi sei mesi del 2019. Ancora positivo il trend verso gli USA: +41,7% sul primo semestre 2021 e +48,5% sul 2019.

Le cifre relative alla nati-mortalità aziendale (fonte Infocamere-Movimprese) mostrano a fine giugno saldi positivi (seppur modesti) per le prime tre regioni italiane per numero di aziende. La Toscana, che copre quasi la metà del totale nazionale, segna un +2 nel registro delle aziende attive (-15 il bilancio nazionale tra industria e artigianato). Sul fronte del numero degli addetti, le elaborazioni effettuate sulla base dei dati camerali indicano un rimbalzo favorevole: la Toscana è insieme alla Lombardia la regione con il saldo positivo più consistente con +463 lavoratori su fine dicembre 2021, pari al +2,6%, dato che dovrà comunque trovare conferma nei trimestri successivi. Forte flessione, allo stesso tempo, nel numero di ore di cassa integrazione guadagni autorizzate da INPS per le aziende della Filiera Pelle nei primi 6 mesi dell’anno: la Toscana registra -88,9% sui primi 6 mesi 2021 ma ancora +264% sull’analogo periodo 2019 pre-Covid (-80,3% rispetto a gennaio-giugno 2021 e +100% sul 2019 il dato nazionale).

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pelletteria, prosegue la ripresa della Toscana: fa oltre il 40% dell’export nazionale

FirenzeToday è in caricamento